Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Dicembre 2018 >>
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

e alla fine (ma sarà la fine?) arriva Cisco!
Commenti : 36
mari70 il 26-Apr-2012 in Generica
Ciao ragazzi, finalmente mi siedo a scrivervi cosa è successo, ma tenete presente che sono sotto shock e nn so se riesco a scrivere per bene.
Allora, stamattina vado dagli asini con il fieno e vicino a Lola non c’era solo un piccolino, ma ce n’erano due. Vi giuro che mi sono messa come una deficiente a contare gli asini….ed erano sei, non cinque. Non essendo ancora sorto il sole, ho pensato che era troppo presto per avere bevuto e che non potevo essere ubriaca e vederci doppio (cosa che tra l’altro non mi capita), allora ho pensato che era colpa delle due notti in bianco causa bronchite della bimba e il lavoro matto del 25 aprile….e invece no! C’erano proprio 2 piccoli asinelli. A proposito, la macchina fotografica nn funzione, ma Cisco è uguale a Blanca quindi fate conto di averlo visto. Subito ho pensato che fosse il suo gemello nato qualche giorno dopo perché stavano tutti e due appiccicati a Lola, ma poi ho visto Carmen bella magra come a me nn è mai capitato dopo un parto e ho capito che è figlio suo. Ero troppo felice! Però mi ha fatto una brutta sensazione che il piccolo stesse con Lola e nn con la madre e che la madre si sia buttata sul fieno come tutti gli altri giorni senza minimamente pensare a lui….Lola nn fa così. Sono stata li fino alle 8 e Carmen dopo un po’ è andata dal suo piccolo, ma nn mi è sembrata affettuosa come Lola, inoltre lo ha lasciato tranquillamente insieme a Pedro che lo annusa da tutte le parti ed è contentissimo di poter finalmente annusare un piccolo (Pedro è super buono e nn c’è da preoccuparsi). Inoltre il fatto strano è che Carmen perdeva un sacco di latte, ma nn faceva attaccare il piccolo. Comunque ho pensato che la natura fa sempre il suo corso e sono andata a svegliare il mio bimbo per portarlo all’asilo. Tornata dall’asilo verso le 9 e 20 ho trovato però una situazione preoccupante: Carmen girava per il recinto perdendo latte e mandava via il piccolo che cercava di poppare. Ho fatto di tutto per farlo attaccare, ma lei si è inferocita e lo mordeva e dava calcetti anche a me. Le ho messo la cavezza, l’ho legata, ho cercato di mungerla….niente….una pazza. Ha compiuto 2 anni ieri…troppo giovane, tutta colpa mia…adesso lo so. Nel frattempo il piccolo, che si chiama Cisco, era sempre più debole e stava buttato a terra come uno straccetto. Ho telefonato a 3 veterinari, ma tutti mi hanno detto che o riuscivo ad attaccarlo con ogni mezzo o era spacciato e non c’era niente da fare. Non sono voluti venire perché hanno detto che nn c’era niente altro da fare. Ho di nuovo provato ad attaccarlo, ma Carmen era sempre più furiosa ed ha cominciato a morderlo, non forte, ma insomma faceva una bella impressione, soprattutto vedendo Lola con Blanca dall’altra parte del recinto. A questo punto mi è venuta l’idea di attaccarlo a Lola. Credo che lei se lo sarebbe pure adottato perché non l’ha respinto e nn ha calciato, ma il piccolo Cisco a questo punto nn si reggeva più sulle zampe e nn riusciva a stare in piedi per poppare. Insomma secondo me stava morendo. Ho telefonato in un posto che c’è qui dove vendono le cose per gli animali, ma il latte per asini nn ce l’avevano…bisogna ordinarlo e arriva quando arriva. Allora ho telefonato al mio amico che ha il maneggio dove ho castrato Pedro però nn era in casa e nn riusciva a venire da me prima delle 15 30. Intanto, vi giuro, l’asinello Cisco stava coricato che l’ho preso in braccio (nn avevo mai preso in braccio un asinello, nn mi sarei mai permessa….) e sembrava quasi morto per davvero però respirava. Li per li mi sono anche detta: c’è sempre un motivo per qualunque cosa, ho pensato per anni di nn poter avere bambini e mi ero rassegnata pensando che un motivo c’era se nn potevo essere madre, quindi se lei nn voleva allattarlo forse sapeva qualcosa che io nn sapevo e le cose dovevano andare così, ma poi io di bambini ne ho avuti 2 e questo asinello mi stava morendo in braccio…..e mi sono detta: “ma vaff….lo, morto per morto, qualunque cosa faccia…..le cose vanno sempre come devono andare” Così sono andata al supermercato e ho comprato del latte di capra intero, l’ho riscaldato a 37 gradi, ho fatto un buco più grosso a uno dei biberon della mia bambina e ho allattato l’asinello. Gli ho dato 150 grammi che se l’è trangugiato e dopo un’ora altri 100 grammi. Si è ripreso subito e sta in piedi che è una meraviglia. (per fortuna in tutto ciò mia mamma, che la pensa come tutti noi, ha badato ai miei due bambini). Solo che si è messo a seguirmi dappertutto e mi ciuccia i pantaloni in continuazione.
Vabbé, mi ero messa un po’ tranquilla ed è arrivato il mio amico del maneggio, in anticipo di 1 ora (ve l’avevo già detto che è bravissimo, molto più bravo dei 3 veterinari che nn si sono scomodati). Mi ha detto anche lui che dovevamo costringere sua mamma e che lei aveva solo paura forse perché è troppo giovane o forse perché è così di carattere. Allora l’abbiamo legata con la cavezza e lui ha cercato di mungerla, ma lei lo ha calciato molto peggio di come ha fatto con me. Allora lui le ha legato insieme le zampe dietro e poi ha cominciato a toccarle le mammelle dicendo a lei che nn succedeva niente e a me che se lei capiva che nn si faceva male, poi l’avrebbe allattato. Io intanto pensavo che lui era fantastico, che a me allattare i miei bambini ha fatto un male cane almeno il primo mese e mezzo e lui essendo uomo nn poteva saperlo, ma era fantastico lo stesso, per come parlava a me e per come parlava all’asina legata. Dopo un po’ abbiamo attaccato il piccolo che ha poppato prima da una parte e poi dall’altra, ma lei …..giusto perché era legata! Poi lui l’ha munta un altro po’ e abbiamo conservato il latte in un vasetto che nn si sa mai.
Dopo di che mi ha detto che adesso devo fare così per 3/4 volte e poi Carmen si abitua e nn c’è più problema. Secondo lui Cisco sta benissimo e il problema è solo Carmen.
Ok, pubblico senza neanche rileggere, (scusate se ho scritto male) e vado a fare questa cosa che è ora….a stasera ragazzi…come vorrei che foste qui!
Ho smesso di aspettare...
Commenti : 20
lakai il 26-Apr-2012 in Generica
...Ieri al rientro da una passeggiata ad Unia, ho provato ad avvicinarmi ma Lei era un po’ scontrosa e si allontanava, che hai? Due salti ed è lontana...”va beh ciaooo”. Stamattina (ferie) appena uscito ho lanciato il solito sguardo per individuarla, ma Lei non si vedeva da nessuna parte, sarà la dietro? Mah! Appena finisco ci vado a vedere...ah! Eccola li, è apparsa dalla capanna ma è rientrata immediatamente, “burricaccia irriconoscente potresti almeno venire a...va beh vengo io”...NOOOH! m’aspettavo di dover vedere questo almeno tra una quindicina di giorni forse un mese...invece.... E’ NATO...SONO MATTO? Si...si questo lo sapevo già, un salto e sono a casa afferro la macchina fotografica e urlo a miei figli è natoooo! Loro restano come imbecilli mi guardano...scattano anche loro, prendono l’altra macchina e...”mi raccomando non toccate niente, zitti e non fate casino”... entriamo, Lui...o sarà Lei...si vedrà dopo, sta succhiando alla grande, faccio lentamente il giro e vedo che ancora pende la placenta,non so che fare, ma so che è meglio non far niente, poche foto e andiamo, ma Lei mi tende il muso, le faccio due carezze Martina va a prendere due carrube, più che meritate, gliene darei una cesta intera se sapessi di non farle male; non sto nella pelle invio due foto via mail a moglie al lavoro, senza testo solo due foto, non basterebbe il pc per dire tutto ciò che mi passa intesta. Va beh... devo cambiare i copertoncini della bici credo che in questi due mesi sia stata ben sfruttata, mi ha aiutato parecchio e non solo in questa occasione. Serena (la vet) non è raggiungibile questi telefonini... Ripenso a tutte le nascite in questi giorni, CI SONO ANCH’IO e quella cosetta grigio topo con le gambe tremati.
Riparte l'attività
Commenti : 2
pulce il 26-Apr-2012 in Generica
In questi due anni di sperimentazione, volontari ed operatori - che si sono scoperti ottimi mediatori di animali - hanno seguito attentamente le varie fasi di attività che la terapia con l’asino richiede, e grazie all’elaborazione di schede di valutazione nelle diverse azioni, hanno estratto i risultati di un ciclo di attività di mediazione con l’asino. Le schede di valutazione, opportunamente analizzate e valutate, sono state affidate ai referenti tecnici del progetto dell’ASL di Brescia che presenteranno nella mattinata del SABATO 26 MAGGIO 2012 i frutti di questi due anni di lavoro a contatto con mille fragilità. L’appuntamento sarà anche il momento per INAUGURARE LE STRUTTURE DI LOCALITA’ VALLONI, che nel corso della primavera hanno subito una notevole trasformazione, grazie all’ampliamento delle stalle adibite a ricovero per i dieci asini del Centro Natura Amica e alla sistemazione della sede operativa nota come ‘Casetta in Canada’, che ora finalmente ha un porticato fisso, utile riparo per i volontari e gli utenti nelle giornate più calde, ma anche punto di miglior accoglienza per i visitatori. Questo recupero ambientale e di valorizzazione locale è stato possibile grazie ad un preziosissimo aiuto pervenuto dal GAL Oglio-Po Terre d’Acqua, che ha premiato il Centro Natura Amica come secondo miglior progetto del territorio cremonese-mantovano all’interno di un bando legato al Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale. Dopo un momento conviviale la giornata proseguirà nel pomeriggio con una passeggiata nel bosco a cura della LIPU di Cremona, nuovo amico del Centro Natura Amica che, anche merito delle opere di riqualificazione che il Consorzio Forestale Padano ha attuato nell’ampio appezzamento di terra che costeggia il fiume Po, ha creato nella ‘macchia padana’ dell’associazione un percorso adatto sia ai più piccoli che ai diversamente giovani, dove non mancano punti di interesse per flora e fauna locale per poter sperimentare delle prime escursioni di onoturismo.
L'arrivo di Pegasus
Commenti : 10
heidiepeter il 25-Apr-2012 in Generica
Sabato 21. Aprile è arrivato l'asino inviatomi dalla protezione degli animali dell'isola che in precedenza mi ha chiesto se potevo ospitarlo.
I miei quattro delinquenti all'arrivo si sono subito spinti curiosi all'entrata del recinto per vedere cosa è arrivato, di solito è fieno.
Il nuovo arrivato, ancora sul furgone aveva un' espressione triste e vuota, ha voltato la testa e…puha ! cosa c'è qui ? dove sono !!?
Avreste dovuto vedere la sua faccia, l'espressione è cambiata in un lampo, orecchie ritte e occhio vivo…rimasto di stucco, per un po non riusciva nemmeno a muoversi.
Poi i miei hanno cominciato a ragliare, lui pure e via un casino della Madonna
E' sceso dal furgone, entrato nel recinto e come ogni nuovo arrivato ha cominciato a girare per il
nuovo luogo in modus aspirapolvere annusando tutto, sopratutto le cacche, fermandosi per i consueti salamelecchi ogni tanto - muso in aria, labbra a punta, con il seguito degli altri quattro.

Poi presentazioni tra di loro e la Signora Carlotta gli ha letto il regolamento, il quale non manca di ripetere quotidianamente.

Lui, anche se è uno stallone è dolcissimo, mi segue e fa le coccole, suppongo che sia cosciente della sua debolezza per via della gamba e non fa tanto il bullo, per la castrazione vediamo in seguito, prima deve mettersi apposto la gamba e ho già parlato con il maniscalco che urge, lo zoccolo della gamba lesa sembra una pantofola.
Intanto gli ho preparato una crema con calendola, ipericum in olio d'oliva e polvere di silicea.
In oltre riceve Calcium Fluoratum.
Si fa medicare tranquillamente, non devo legarlo penso che gli piace farsi curare.

Gli ho dato il nome Pegasus (Πήγασος) perché la sua gamba guarisca completamente - ancora zoppica e non si sa quanto si ristabilisce il tendine leso … e spicchi il volo
Aggiornero' con foto
ieri, sotto un poco di sole ...
Commenti : 9
lydie il 24-Apr-2012 in Generica
...è nato Tommy, ci ha riscaldato tanto il cuore scoprire che nel recinto non erano più in 4 ma in 5 ;-) é il figlio della piccola Rossa, tanto dolce e simpatica. Lei è riuscita a trovare un momento di bel tempo per partorire, dopo le piogge del mattino e tra due buffere di vento. benvenuto al mondo piccolino!!
Mi sa che Marafuglia e' gravida !
Commenti : 11
Nicola il 22-Apr-2012 in Generica
Ho il timore che Marafuglia sia gravida!..Non ci voleva. Spero ancora che non sia cosi. Ma se lo fosse sarebbe un grosso problema in quanto e' stata operata e' non ha piu le mammelle e non potra' allattare l'asinello. In questo caso dovremo cimentarci nel difficile compito di allevarlo noi. Percio' amici asinari tutti i consigli in merito saranno benvenuti e molto graditi in quando non siamo molto esperti. Grazie
Oggi, in mezzo al fango, è nata Blanca!
Commenti : 14
mari70 il 20-Apr-2012 in Generica
Ciao ragazzi stasera quando sono uscita a portare il fieno agli asini sotto la pioggia ce n’era uno in più che saltellava in giro come un matto!!!!! E’ una femmina (per fortuna…) e si chiamerà Blanca!!!!!
Stamattina quando sono stata da loro era tutto normale. Come al solito negli ultimi tempi, la prima cosa che ho fatto è cercare di vedere come stava Lola, come si comportava, se notavo qualcosa di strano, visto che ormai era questione di giorni….tutto a posto, nessun segnale!
Il pomeriggio non sono potuta uscire perché la mia bimba piccola ha la varicella e non dorme molto, quindi ho deciso di andare dagli asini alle 19 quando tornava mio marito così potevo almeno fare le cose con calma. Infatti appena lui è arrivato mi sono messa stivali di gomma e impermeabile e sono uscita. In quel momento non ci pensavo proprio a Lola che doveva partorire….pensavo che era molto tardi, che mi dispiaceva non essermi fatta vedere dagli asini per tutto il pomeriggio, che ormai piove da troppo tempo e il recinto è pieno di fango e pozzanghere……e chi ti trovo che saltella in mezzo alle pozzanghere sotto la pioggia? Un’asinella piccolissima, magra, ricciolina, tutta bagnata e vivacissima! Sono corsa immediatamente a prendere la macchina fotografica (pensando a voi) e il mio bambino (quello senza varicella) e ci siamo precipitati al recinto. Ho distribuito il fieno un po’ nella casetta, un po’ nella tettoia e un po’ anche fuori in modo da dividerli perché Lola non fosse costretta a portarsi la puledrina in mezzo a tutti gli altri per mangiare. Infatti Lola stava proprio inferocita con Pedro anche peggio delle altre volte che ha partorito: appena lui cercava di avvicinarsi lo calciava e gli faceva un verso strano che non avevo mai sentito, come se soffiasse. Anche con Carmen era parecchio arrabbiata e un po’ meno con Inés che ha lasciato quasi avvicinare alla piccola. In quel momento mi è molto dispiaciuto non avere un altro posto dove metterla con la sua puledra per farle stare tranquille, ma sicuramente nel giro di qualche giorno si saranno abituati alla nuova presenza e andrà tutto a posto come le altre volte. Pedro è sempre stato molto bravo in questi frangenti e anche oggi aveva il suo tipico atteggiamento da cane bastonato per il trattamento che gli riservava Lola. L’asinella Blanca è proprio scatenata, simpatica e non sembra che abbia paura. Mi ha fatto molto piacere che Lola mi abbia lasciata stare vicino a lei e anche accarezzarla senza dimostrarsi preoccupata…..le altre volte non era stato così e io mi ero tenuta alla larga, invece stasera sembrava contenta che stavo li con lei e la sua puledra. Un’altra cosa strana è che non l’ha portata nella casetta anche se pioveva. La prima volta che ha partorito, quando è nata Carmen, è stata nella casetta quasi una settimana senza uscire e anche quando è nata Inés più che altro stava sdraiata sotto la tettoia; questa invece…. fuori sotto la pioggia….mah…saprà lei!
Sono stata con loro fin che si è fatto buio e mi sembra che vada tutto bene, Blanca ha poppato ed è stato l’unico momento che è stata ferma, per il resto del tempo non ha fatto altro che saltellare ed esplorare il recinto con sua mamma dietro preoccupatissima, si fa accarezzare e viene verso di me se la chiamo (altro fatto stranissimo che con le altre non si era verificato). Non vedo l’ora che sia domani mattina!
Un pomeriggio da ricordare...
Commenti : 33
Jolly il 11-Apr-2012 in Generica
È l’una e mezza.
Abbiamo appena finito di mangiare e mio marito sta per uscire per andare ad aiutare un amico in un paese vicino. Esce un attimo, poi torna e mi dice “Guarda Perla…è la in mezzo al prato che si è stesa e bruca l’erbetta. Che bella, vai a farle una foto.”. E poi parte. Io finisco di lavare i piatti e poi penso “possibile che proprio oggi che piove si stenda sul prato??” bah, prendo la macchina fotografica e vado a farle un bel servizio. Sono le due. Che bello finalmente qualche foto con il primo verde.
E poi.
Che strana posizione per stendersi...
Ma come tieni le zampe?
Perché hai le orecchie tutte in giù??
Perché Heidy va li ad annusarti e non la cacci???
Faccio il giro e capisco. Stai incominciando a partorire. Così…senza preavviso!!! E penso “Ma io ho controllato, non avevi latte stamattina!!!!” e, peggio ancora, penso a quel bel post che ho scritto e non sapevo se ridere o piangere per l’assurdità del caso. Tutte le precauzioni da tenere con l’asina gravida…MA NEANCHE UNA SONO RIUSCITA A METTERE IN ATTO!!!!
Non ho più tempo, non posso più spostarti.
Pensa Anna, pensa.
Piove, ma non posso obbligarti ad andare all’asciurro. Ok, stai li.
Heidy? È curiosa ma non aggressiva. Ok, stai li.
E Jolly? O porca v…..! Prendo Jolly e lo trascino nel box (che era pronto per Perla!!!).
Bene, aspetto.
Vedo qualcosa…incominciano a vedersi gli zoccoli (o mio Dio….dimmi che è dritto! E se è podalico che faccio? Sono sola…non ho neanche ricarica sul telefono….panico, panico, panico!!!!!). Passa qualche minuto…cos’è quella? La testa!!!!! Evvvvai. È dritto! Bene, bene….sto con te Perla, ti sono vicina. Ti accarezzo il muso e tu mi guardi e sembra che lo capisci che son li per te. Bene, adesso e quasi tutto fuori. Ti vedo piccolo. Respiri…almeno muovi la bocca.

Il primo respiro…

Dai Perla un ultimo sforzo. Sei stremata ma ti alzi in piedi e con un ultimo sforzo finisce di uscire. Poi ti stendi devastata. E tu, piccolo miracolo sei li…tutto zampe e orecchie…tutto fradicio.
E adesso che faccio? Non potete stare qui fuori sotto la pioggia.
Aspetto dei minuti terribilmente lenti. Perla ti alzi finalmente. E tu piccolo fagottino? Che sforzo alzarsi. Ci provi e tonf! A terra. Ci riprovi e….ri-tonf! Quanti tonfi e che forza di volontà ti spinge a tirarti su! Ma finalmente ce la fai. Bene! Perla ti sei alzata su e anche il tuo asinello.
E la pioggia diventa più intensa.
Cavoli, tutti sconsigliano di toccare il puledro appena nato…ma non può stare qui: il prato è in pendenza, piove, e stanotte le temperature scenderanno.
Vado a prendere un asciugamano.
“Perla guardami. Questo è un asciugamano te lo faccio annusare. Io sono tua amica. Ora prendo in braccio il tuo puledro e lo porto all’asciutto…e tu mi segui” e mi hai seguita.
Mi viene da piangere dalla gioia.
Ora siete all’asciutto.
State bene e tu, piccolino, hai cominciato a sgambettare ed a poppare.
Perla ti lava.
Va tutto bene.
Sto tremando…non ho mai provato un emozione del genere. Indescrivibile.

Benvenuta Pepita.
BUONA PASQUA
Commenti : 8
alessia75 il 08-Apr-2012 in Generica
mammaaaa è + di un anno che non scrivo! che vergogna! ogni tanto mi sono affacciata però :) ho avuto un anno frenetico pieno di cambiamenti , tanti positivi altri cosi e cosi ... oggi però mi fermo per salutare i miei amici Asinari. Checco e Nella sono sempre in gran forma e vi salutano tanto anche loro e vi vogliono presentare un nuovo amichetto, si chiama Hamtaro ed è un Cavallo avelignese :) Almeno credo, perchè a forza di stare con gli asini manca solo che ragli :) VI AUGURO BUONA PASQUA con la promessa di farmi viva + spesso :)
auguri
Commenti : 11
lakai il 08-Apr-2012 in Generica
A tutti, non necessariamente credenti ed eventualmente di qualsiasi religione, un augurio: “a tutto ciò che ciascuno desidera per se e per chi sta accanto”
In quel di Merlino
Commenti : 13
foxtrot il 08-Apr-2012 in Generica
Io c'ero!
Mi ero ripromessa di scrivere le mie sensazioni sul primo raduno spontaneo di Raglio.com ed ora, a distanza di due settimane, eccomi qui davanti al pc in cerca delle parole giuste per tradurre le molteplici emozioni che mi hanno attraversata.
Appena giunti in cascina ,walzerlento ed io abbiamo trovato ad accoglierci un attento Cacaone (con la sua ombra Jack) che cercava di identificarci,con lui c'era già Mora che ci viene incontro con il suo fare sicuro e lo sguardo dolce e si presenta.Poi è la volta di Millo , che sembra un po' timido,invece...Assieme a lui c'è anche Alby, suo figlio, un ragazzino dolce, ciarliero ed instancabile!Si inizia a scambiarci informazioni a dire di com'è bella la giornata e guardarsi intorno per sapere come muoversi.Tutto è stato spontaneo, mi pareva di essere sempre stata lì, in mezzo a loro.Ecco, arrivano altri, Garzingo accompagnato dalla Nives, molto serio,mi stringe la mano, ma la sua felpa lo tradisce(forse non è poi così burbero come sembra!).Scendono dalla macchina Claudio con la sua bella famiglia,con Tecla c'è subito affinità Chiara e Martina fanno ancora le timide, ma si sà i bimbi sono così, basta un momento e poi si sciolgono.Ma gli asini che fine hanno fatto? Non dovevano essere loro i protagonisti?Eccoli arrivare con Spirit Lidie e Francescosid.Tre bei sorrisi anche negli occhi e mi colpisce subito la bella parlata toscana di Francesco.Tutti attorno al trailer guardiamo con sorpresa chi ci hanno portato a conoscere: Birillo e Luce che scendono finalmente a sgranchirsi un po' le zampe e ci guardano a loro volta, ma per niente straniti o spaventati, anche se a detta di Spirit e Lidie non sono asini molto abituati a viaggiare e al contatto con umani.Un po' di coccole e avena poi si incomincia ad avere fame, arrivano anche Mari70 con il suo bimbo Mattia e poi Bamby accompagnata da un elegante signore.L'atmosfera diventa vivace si parla, si ride, ci si confronta parlando dei rispettivi animali.
A Tavola!Con tutto quel che ognuno di noi ha portato c'è da sfamare un esercito, anche Lino, il padrone di casa è dei nostri.Scatto delle foto per fissare i ricordi, per poi a casa ricollegare i volti con i veri nomi ed i relativi nick .La giornata scorre senza pensieri, c'è convivialità, amicizia,pace.Sarà che siamo tutti asinari e allora, probabilmente qualcosa dai nostri animali abbiamo preso.E' stato molto più facile vivere le sensazioni che ho provato quel sabato di marzo piuttosto che descriverle.Devo ringraziare tutti voi per avermi fatta sentire a mio agio, specialmente a Cacaone(e alla sua Lolita dallo sguardo profondo) che con cura ha preparato tutto in modo che il nostro incontro fosse piacevole.Grazie alla contagiosa allegria di Mari che ci ha fatti molto ridere. Grazie alla dolcezza di Bamby che guardava ammirata la piccola Martina sempre a dorso di Birillo. Grazie a Mora e Garzingo per aver condiviso le loro numerose conoscenze.Grazie a tutti gli altri che tanto mi hanno insegnato arricchendomi umanamente.Da questa esperienza vissuta intensamente attingerò la calma e la gioia che mi avete lasciato dentro.
Ciao a tutti e speriamo di rivederci presto!
un'altra primavera con Nerone
Commenti : 11
Nerone il 06-Apr-2012 in Generica
Molti ricorderanno dei problemi che ho avuto nei mesi scorsi col mio mulo Nerone, era diventato ingestibile a 360 gradi, da terra, in sella, nella convivenza con i miei cavalli che assaliva a morsi appena aveva l'occasione... era nervoso, irrequieto, si comportava in modo incomprensibile, a volte anche aggressivo, ed ero ormai arrivato a decidere di venderlo... ma ormai ci ero troppo affezionato, e non ho avuto il coraggio di farlo... pensavo comunque di tenerlo ma senza poterci piu fare nulla...

poi un paio di settimane fa', la svolta, una ragazza che si e' offerta di aiutarmi, lo ha montato, lavorato ecc. e poi mi ha proposto di provare a liberarlo insieme ai miei cavalli sotto la sua guida, dopo anni che era in un recinto separato perche' avevo paura che gli facesse male essendo anziani, invece quella ragazza e' riuscita a controllare l'esuberanza iniziale di Nerone, inizialmente temevo il peggio ma dopo 10 minuti si sono tranquillizzati e Nerone si e' sottomesso ai cavalli, al punto che adesso lui ne ha il massimo rispetto e mangia solo quando i cavalli glie lo permettono...

stando insieme ai cavalli il suo comportamento e' migliorato in modo incredibile e rapidissimo, non lo avevo mai visto cosi' tranquillo e sereno, non sembra neanche piu lui... ora da fine marzo quando con l'ora legale si sono allungate le giornate, ho ricominciato a montarlo per andare al lavoro al maneggio... ricominciano cosi' le nostre passeggiate lungo il fiume e i tranquilli rientri verso casa all'imbrunire dopo il lavoro, e tra poco ricominciano anche i nostri trekking...

alla fine probabilmente i suoi problemi di comportamento erano dovuti alla solitudine e mancanza di contatto diretto con i suoi simili... ora passano le giornate a grattarsi e a giocare... se solo ci avessi provato prima
Visita a Birillo
Commenti : 12
bruno il 03-Apr-2012 in Generica
Ho passato un piacevolissimo fine settimana, sono stato a trovare Birillo. Appena arrivato era in fondo ad un recinto dove pascolava con i suoi compagni, gli ho fischiato e lui ha alzato le sue orecchie maestose (come del resto anche gli altri)..."ha riconosciuto il mio fischio" ho pensato, invece dopo un attimo ha ricominciato tranquillamente a brucare e non mi ha filato per niente. In quel momento ho pensato "bene è giusto così, si trova nel suo ambiente naturale con i suoi simili e sta benissimo".
Ho trovato un Birillo cresciuto, tranquillo, saggio ed affidabile (mi ripeto nel dire nel dire che il merito è di Spirit e lydie).
Più tardi siamo usciti in passeggiata con Birillo, Luce e Lea. A me è stata affidata, chiaramente, la conduzione di Birillo...non avevo mai fatto con lui una passeggiata così serena. Ma ad un certo punto, durante una sosta, mentre tenevo Birillo con la lunghina al mio fianco, lui mi ha annusato il braccio, si è scostato leggermente è mi ha misurato una leggera pedata laterale. Pronto è stato il rimprovero di Lydie. Era presente anche la nostra amica Roma che ridendo ha detto "oh bruno, ti ha riconosciuto". Chissa forse voleva testare se poteva riprendere il nostro rapporto paritario.
Stupenda anche la passeggiata della domenica, corredata da pic nic ai piedi di una cascata, durante la quale ho imparato molto riguardo la conduzione degli asini.
Ringrazio Simone e Lydie dell'ospitalità e della disponibilità, ringrazio Roma per la sua presenza e la sua simpatia, ringrazio francescosid per avermi permesso una sosta pranzo il sabato ed avermi presentato le sue tranquille asinelle.
D'obbligo il ringraziamento ad elcholo che ha creato questo sito che permette di conoscere grandi e belle persone!

Novità: da ieri, lunedì 3 aprile, è con me una vecchia asina che merita la pensione dopo aver trasportato per circa 20 anni basto e bambini in numerose passeggiate.
Che si fa...Aspettiamo!? Sensazioni strane
Commenti : 18
lakai il 01-Apr-2012 in Generica
Dato che la cosa per me difficile è trovare un titolo adatto a... tutto un casino che mi si è creato, il titolo....
Quando mi è stata data, secondo il vecchio proprietario Norby avrebbe dovuto partorire due mesi dopo... io tutto speranzoso, mi vedevo già emozionato a fare da balia...quasi compravo i confetti... Alla prima visita la vet mi ha guardato con un sorriso dolce (direi compassionevole) e pur non dicendomi un no secco mi ha lasciato intendere la sua perplessità; ho pensato che probabilmente il vecchio proprietario mi avesse detto una balla per tenere su il prezzo, oppure non conoscesse bene i tempi della gravidanza. Dopo due mesi, non nominando la vet, ho detto a lui che l’asina non era gravida, “mi devi un accoppiamento gratis, comprese spese di trasporto”. Ora guardo Norby, non sono certo, ma ho la sensazione che l’aspetto stia cambiando...si va beh la crescita...il cambio di stagione...di ambiente, mi si forma un’idea, forse pazza... come tante altre e...riprendo in mano gli appunti, la raccolta delle mie ricerche, ci ristudio sopra, che dire... la pancia sembrerebbe non simmetrica...ma forse è solo una mia ingenua speranza, la cavità presso l’anca sembra più piena...non oso sperare...però la possibilità ci può essere, considerato che ci è stata portata in luglio...ci può stare, l’accoppiamento potrebbe essere avvenuto in aprile, maggio ecc...mi si accende una strana speranza e... mia moglie mi prende in giro..”tu ansioso?!?!” a me che mai ne ho avuto di ansie; controllo spesso la zona delle mammelle, forse...mi sembra di vedere la formazione di una sacca lì vicino, una ciste? Un inizio di crescita? Serena... sotto agli occhi acqua marina mi sorride... “in effetti...un po’ è cambiata”, “è migliorata parecchio” stavolta non sembra dire “povero illuso” e... pur non confermando, non mi ammazza l’idea, “sai la certezza si può avere soltanto con l’ecografia...aspettiamo, continua a monitorare” e poi si rivolge a Norby le carezza ed arruffa i peli della fronte e..”asinella fortunata!”, ma mi consiglia di rimandare la sverminazione, “non si sa mai”...eccomi qui a pensare... cercare di capire, percepire segnali; pormi altre domande; un po’ il comportamento è cambiato, a volte si allontana...come se volesse stare da sola, a volte parte a razzo...poi saltella quasi in un balletto e ti guarda di traverso arricciando il labbro superiore, ma non noto grosse stranezze, pur standoci attento, non mi sembra di scoprire segni di estro per una conferma negativa. Continuo a sentire un raglio a distanza ma nonostante le ricerche non sono ancora riuscito ad individuarne la provenienza, se fosse un maschio potrei provare a farli avvicinare per vedere se lo respinge. Nel frattempo aspetto, non ne parlo in giro, un po’ per pudore, forse un po’ per scaramanzia. Ogni volta che qualcuno nel blog annuncia di avere l’asina gravida o della nascita di un piccolo, sento gioia, sono sempre “grandi cose”, ammirazione ma in parte anche quasi una forma d’invidia, forse... mi manca qualcosa, non voglio forzare i tempi, nel frattempo continuo a fotografare regolarmente la zona mammelle e confronto fra loro le foto, viste e riviste. Ho foderato la capanna con una rete a maglie più strette per evitare che possa ancora strappare e masticare le canne, ho recuperato altre canne per sistemarle dove Lei aveva un po’ distrutto; se dovesse partorire... devo tenere tutto pronto, mica potrò fare i lavori nei giorni delicati col rischio che il piccolo mi nasca così, ma... anche se non partorisse... va aggiustata ugualmente. Voglio essere preparato ma... cerco di trovare scusanti per non illudermi, ...mentre ne parlo a mia figlia, la voce di moglie arriva dal piano di sopra...”e il lenzuolino col pizzo...l’hai preso?” PERFIDA! Poi nel piccolo recinto della capanna... questo va tolto, potrebbe essere pericoloso per il piccolo; e questo? anche se l’avevo già fatto in funzione di...rimisuro l’altezza dell’abbeveratoio, si...si dovrebbe andar bene, qui sarebbe meglio fare qualcosa per il giaciglio, forse...forse sarà tutto inutile...vedremo. Non basta!...saluto una vicina che passa e...“ buongiorno a quando?” come scusi? “Si dico... l’asina...quando dovrebbe partorire?” Ma allora!!!....calma, calma lakai...calma... ci vuol pazienza, BISOGNA saper aspettare. Mi pare quasi di vivere i dubbi, le sensazioni e... di una donna incinta letti in un famoso libro degli anni 70... “lettera...”. Ho bisogno di scaricarmi,...vado a fare un giro in bici, ma... se continua così dovrò trascorrerci le intere giornate! Inizio a vederla come un dirigibile e le zampe... sono i quattro ancoraggi. Neanche per miei figli ho pensato tanto, però allora con mia moglie... almeno potevo parlarci, ora invece con Lei...ti guarda e...bisogna aspettare. Che stress!
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker