Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Dicembre 2018 >>
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

Il mio giorno
Commenti : 11
elcholo il 18-Apr-2014 in Trekking
Dai Elcholo scrivi un blog pigrone!
Elcholo ha deciso.

Non mi ricordo quando , ma un giorno insieme alla mia famiglia più stretta e allargata ci andiamo a fare un bel trekking someggiato e non (a chi tocca "nun se 'ingrugna") nelle campagne limitrofe a dove possiedo i miei asini Gazzosa e Floridippo.
Spesso facciamo queste uscite, ma quel giorno, è la foto a documentare , Elcholo ha detto :
"Aho, e mo ci salgo pure io. Voglio fare un tratto di percorso insieme a mio figlio, stavolta tocca a ME"
Comunico a tutta la ciurma la mia decisione , ovviamente la cosa non viene accolta benissimo dai "pischelli" , però la decisione è stata presa.
Andrò sopra Gazzi.
Spiego tutto alle orecchie di Gazzosa , la quale accetta e guardandomi con quel capoccione mi dice :
"Era ora fregnone" sono anni che mi fai portare a spasso sti rompi scatoloni e tu, l'unico che hai studiato, niente.
Monta su , daje .......
Grazie Gazzosa , sapevo che avresti capito.
All'inizio mi sembra che non digerisca benissimo il nostro peso , poi come sempre , con la sua pazienza e forza porta a termine quello da me richiesto.
Non avevo dubbi... 110 e lode!
State calmi people of Raglio.com, scendi sei troppo pesante, già vi vedo con quelle mano piene di dita a scrivere su quella tastiera del vostro PC.
Alla fine ho fatto solamente poche centinaia di metri.
Ma che LIBBBBBBIDINE !

Ma mi state vedendo? Ma vedete la mia faccia?

1 - Sguardo fiero
2 - Orgoglioso della situazione
3 - Preoccupato del mio peso + mio figlio
4 - In valutazione di tutti gli eventi circostanti
5 - Pronto a risolvere eventuali situazioni difficili
6 - Bello come il sole (questo l'ha detto mia madre , quando ha visto la foto)

Questo è quello che vedo col senno di poi, guardando la foto

Comunque come sempre è stata una giornata bellissima, con asini e figli.
Voglio dire , prendete i vostri asini e per step , pian piano , realizzate i vostri sogni.


PS : Un giorno avrò un asinone , gigantone tutto per me-one
Si ...... Lo voglio!!!!!!
con tre passi avanti e uno indietro si procede comunque
Commenti : 14
platero il 08-Apr-2014 in Trekking
E ieri abbiamo ripreso il cammino. L'amico, Pepito ed io. I tre di un anno fa. Sulle nostre impronte abbiamo ripercorso la stessa strada, tranne due brevi varianti per smarrimento del sentiero. Prima di raggiungere il prato che precede il ponte ci siamo promessi che non solo non avremmo esitato, non avremmo parlato, ma addirittura ci siamo vietati il solo pensiero del ponte... Vocabolo bandito dal nostro vocabolario e immagine censurata dalla nostra mente. Pepito non doveva percepire nulla. Così arriviamo disinvolti, l'amico davanti, poi io con Pepito. Ad un metro dal ponte lui si blocca. Non c'è verso di convincerlo. Il film dell'altra volta, tale e quale. Sinceramente eravamo quasi sicuri che questa volta sarebbe passato senza neppure fermarsi. Dopo aver camminato quest’Estate avanti e indietro su ponti di ferro, di legno e di pietra, su passerelle traballanti, su impalcati a fessure sotto quali si percepiva il vuoto, su ponti lunghi e su ponti stretti, questo piatto ponte in pietra che quasi non sembra neppure un ponte, non avrebbe proprio dovuto preoccuparlo. Invece no. Pepito guarda l'imbocco del ponte, o forse la salita che lo segue, o forse il versante ripido, o il ruscello rumoroso sotto, o chissà cosa. Ma si ferma. Anche questa volta.
L’amico è sorpreso quanto me. E quasi un tantino a disagio, a dover essere spettatore della mia nuova, ripetuta sconfitta. Si, in un certo modo è una sconfitta perché non riesco a trasmettere a Pepito quella fiducia che sarebbe necessaria per fargli superare la paura. Ma, ancor più triste è constatare che non son riuscita a creare un legame che lo spinga a voler proseguire il cammino con me. Per fare qualcosa un asino deve essere motivato…
Bene, se allora mi devo sentire sconfitta, almeno che ciò avvenga a pancia piena. Ma caro il mio Pepito, no, questa volta proprio non ti lascio libero in questo bellissimo prato a mangiare anche tu. No, ti lego ad un albero e te ne stai lì, ad aspettare. Annodo uno spago attorno ad un albero e lego la longhina allo spago. Non gli dico niente. Tolgo dal suo zaino i nostri sacchetti. Mi siedo su sasso, a qualche metro da lui, e l’amico ancora più in là, su un tronco. Lui ci guarda. Dopo un panino, l’amico si allontana in direzione opposta, io vado al ponte, che è seguito da un altro ponte simile, appena più corto e con imbocco in curva, anziché frontale e, come già fatto dieci minuti prima, li oltrepasso e salgo un pezzetto. Pepito, solo, raglia. Passano 5 minuti, entrambi torniamo, rimetto il mio sacchetto ancora quasi pieno nello zaino d’asino e poi, con l’amico, ce ne andiamo, oltre il ponte, dieci passi e siam nascosti là.
Pepito è legato all’albero e ci vede andare. Raglia una volta e fissa il punto ove siamo spariti. Ma, a differenza dell’anno scorso, questa volta non è libero nel prato. L’anno scorso ragliava, correva lungo le rive del torrentello, si disperava, ma non attraversava il ponte per raggiungerci. Tra un gesto di disperazione e l’altro, non disdegnava qualche boccata d’erba. Era libero di attraversare e venire da noi. Ma non riusciva a farlo. L’anno scorso la lotta era tra sé e la sua paura. Quest’anno è legato. Ci vede andare. Desidera stare con noi. Si, ha paura del ponte, ma mentre si agita, il suo avversario non è il ponte, ma la corda che lo tiene legato all’albero. Il nemico cambia. Il suo sforzo cambia obiettivo: liberarsi, per raggiungerci. Decido di tornare per modificare il nodo al cordino e far sì che dopo qualche strattone si possa sciogliere facilmente. L’idea è di fare ciò e poi tornare di là dal ponte e aspettare che Pepito, liberatosi dopo un po’ di strepiti, arrivi al galoppo da noi. Ma quando son lì all’albero d’istinto slego il cordino, prendo la longhina e mi avvio, senza una parola, con lui che mi segue quasi attaccato. Percorro il prato e arrivo al ponte, sono in apnea. Non cambio andatura, proseguo, orecchie tese al rumore degli zoccoli. Il braccio che aspetta lo strattone. Il rumore continua, stesso ritmo, il braccio non viene strattonato. Siamo di là. Non parlo. Dieci metri dopo ecco l’altro ponte, cinque passi, e siamo oltre. Respiro. Abbraccio Pepito. Sorrido all’amico. Pepito affronta il ripido sentiero al piccolo trotto, devo trattenerlo. Anche lui si sente leggero, ora che ha lasciato alle spalle la paura e scelto di venire con noi.
per Hubi - in memoriam
Commenti : 15
Mora il 11-Set-2012 in Trekking
sono triste - è morto di un incidente tragico un vecchio amico mio someggiatore, Hubi. Volevamo ancora fare delle cose insieme... Lui ogni minuto libero era in cammino con la sua bardotta di 27 anni, Bella - non so com'è adesso per lei... vi chiedo un momento di silenzio e buoni pensieri per lui, anche se non l'avete conosciuto.
forse ho sbagliato
Commenti : 8
magozolaGorgon il 03-Giu-2012 in Trekking
...mi hanno detto che bisogna cominciare presto ad abituarli e caricarli ..così ho caricato Crusca e sono andato a fare um piccolo trekking... ma io la sera avevo un mal di schiena
M'illumino di meno: la Torcia a...... dorso d'asino
Commenti : 105
casanova il 13-Gen-2010 in Trekking
Giovedì 21 gennaio
il COORDINAMENTO TREKKING CON L'ASINO
e LA REPUBBLICA DEGLI ASINI partecipano a

M'ILLUMINO DI MENO

l'iniziativa della trasmissione Rai Radio 2 CATERPILLAR ( tutte le info su www. caterpillar.rai.it)

saremo in piazza a REGGIO EMILIA dalle ore 17 CON GLI ASINI PER PORTARE LA TORCIA FOTOVOLTAICA di "M'illumino di meno".
e in collegamento in trasmissione per raccontare la reatà asinina del coordinamento e i progetti per l'anno 2010: un anno ricco di iniziative!

Una buona causa...un'ottima compagnia, quella degli asini!! e di tutti coloro che rappresentano il mondo asinaro
UNITEVI A NOI !!
vi aspettiamo!!!!

raduno internazionale
Commenti : 7
Mora il 16-Ago-2009 in Trekking
siccome i raduni sembrano essere di moda, abbiamo pensato di continuare con questa tradizione, faccendo un piccolo trekking con participazione internazionale...

saluti a tutti dalle montagne!
Una mela..
Commenti : 10
maxdklv il 31-Lug-2009 in Trekking
mercoledì scorso eravamo in escursione sui Colli Euganei... Io mi stavo mangiando beatamente una mela, mentre Lennye e Clarabella mangiavano tranquillamente l'erba...
Ad un tratto Lennye si è girata, mi ha puntato ed è venuta a prendersi la mela...
Sei la numero 1, Lennye!!!
una gita con Pepito
Commenti : 11
platero il 06-Lug-2009 in Trekking
La pala di alluminio col manico smontabile, il secchio che si schiaccia e diventa un disco, una corda…non si sa mai, una longhina di scorta (magari si rompe il moschettone). Carote, almeno 4. Una bottiglietta d’acqua per me. Farà un gran caldo. Anche una banana. Da giorni penso ai preparativi.
Metto la sveglia, meglio due perché magari fa temporale e va via la luce. Tanto non dormirò, anche se andrò a letto presto e se sono abbastanza stanca. Già, ricordarsi dell’insetticida, per me, e per lui. A lui lo metto prima di partire perché il barattolo pesa troppo. E adesso dormo, … chissà cosa sogno.
Bello alzarsi alle sei e mezza, mentre tutto il paese dorme sodo perché è domenica. E’ sereno e sento che oggi non pioverà. Quei temporali serali, da caldo, che puntuali da una settimana ci fanno correre a casa a chiudere le persiane, sento che oggi non arriveranno.
E vado. Col mio zaino, ancora mezzo vuoto.
Pochi minuti in auto e arrivo al terreno. Pepito si sorprende a vedermi così presto e si accorge che bisbiglio sottovoce, come se non volessi svegliare quel qualcuno che non c’è e che dovrebbe fargli compagnia. Lo spazzolo, gli pulisco gli zoccoli, ma solo quelli anteriori – temo eventuali proteste e di dover cominciare male la giornata litigando con lui - gli spruzzo l’insetticida e gli do una abbondante manciata di fioccato: che colazione buona stamattina, vero Pepito?. Messa la capezza, lo lego e ci avviamo, attraverso l’arena. No, non mangiare l’erba: oggi si cammina, poi vedrai, arriveremo in un posto bellissimo, tutto coperto di erba, tutta per te. Lui capisce e procediamo. Alla casa di Luciano, lui è pronto, sono quasi le otto e partiamo. Pepito in mezzo, un po’ indietro, ma con il testone proteso tra noi. Crapin Giulivo! testolina felice, come lo chiamo quando l’affetto trabocca.
Lo tiene Luciano, ci inoltriamo nel bosco, ma quando siamo nei pressi del rudere coi bambù Pepito dà uno strattone e parte al galoppo! No, non sgridarlo, ha fatto così perché quando siamo in questo posto io lo libero sempre e lo incito a correre: “andalè Pepito, corri!” l’ho abituato così, questo posto è la sua palestra, il suo parco dei divertimenti, dove mi nascondo dietro agli alberi e gli faccio gli scherzi. E’anche il mio, parco dei divertimenti!
Ripreso Pepito, ripreso il sentiero, oltrepassato il tratto pericoloso, col baratro sopra alla sbocco della galleria del treno – “guai essere lì quando un treno esce dalla galleria, che ti risucchia” – Proseguiamo, ancora un tratto sterrato, il maneggio dei cavalli, poi il vicolo erboso, poi la statale, con il curvone, il guard-rail di metallo, con sotto il vuoto e Pepito ha paura, e sente la mia paura, e non vuole stare da parte e si mette di traverso quando lo tiro a destra. Allora fissiamo anche l’altra longhina, per tenerlo in due, pur sapendo che la sua forza è molto maggiore della nostra e sapendo che non è questo il modo, ma per oggi siamo costretti a fare così, poi si dovrà lavorare per superare questa paura, e con il ramo lo dirigiamo, ma non è bello. Tensione, che lui sente.
Passa anche un pullman, grosso, blu e rumoroso. Poi superiamo il ponte, non proviamo nemmeno a infilarci nello stretto marciapiede grigliato esterno alla carreggiata, stiamo sull’asfalto evitando di discutere ancora, poi svoltiamo in un vicolo tranquillo e raggiungiamo la mulattiera. Bene, Pepito la ricorda e la imbocca deciso, ma ecco un ostacolo. Un dissuasore per impedire alle moto di utilizzare il sentiero. Tre tubi, foggiati a formare una “U”, disposti due ai lati e l’altro circa 40 cm oltre, al centro. Ma….che fortuna, il dissuasore centrale non è stato fissato, si può sfilare: lo sollevo, passiamo, e lo rimetto a posto. La mulattiera è ripida, ma tutta all’ombra. Oltrepassiamo un bosco, poi delle sassaie, e saliamo verso il lago di Sant’Agostino, luogo affascinante per le sinistre vicende che si narra siano avvenute e curioso perché prescelto dai rospi per l’accoppiamento e per la riproduzione. Infatti, ad ogni passo, piccoli animaletti, che sembrano insetti, grilli, schizzano via saltando dappertutto. Sono certa che se Pepito notasse cosa avviene sotto ai suoi zoccoli, si fermerebbe, per non calpestarli, tanto buono com’è. Appena prima della deviazione per il lago, ecco un’altra serie di dissuasori. Ma questi sono fissi! Chiusi con dei lucchetti. Tutta colpa dei motociclisti, di quelli che usano moto da trial o da enduro. Mi sento imbarazzata, rifletto “chi è causa del suo mal pianga se stesso”. Certo, perché io questa mulattiera, raramente, perché troppo impegnativa, ma qualche volta l’ho percorsa anch’io, quand’ero ragazzina, con il mio Bultaco. Perciò ora non posso che sospirare, pensando a come è difficile conciliare le esigenze di tutti, e , ancor più difficile, essere coerenti, senza rinnegare nulla di ciò che è stato. Ed è stato bello, e poi una moto da trial, coi suoi giri bassi, le sue gomme tassellate, il suo tum tum tum regolare e non forzato, non danneggerebbe questa mulattiera, però… Fatto sta che Luciano si arrabbia, col suo modo calmo di fare, anche di arrabbiarsi, e neppure spera che l’ostacolo sia aggirabile. Invece, prendo la longhina, torno con Pepito un pezzetto indietro, lo lascio piluccare un momento per distoglierlo dal frangente e poi riparto serena e decisa. Mi infilo tra i tubi, con disinvoltura e Pepito dietro di me, con identica disinvoltura. Luciano, che già temeva una umiliante ricapitolazione, guarda sbalordito. Bravo Pepito!, brava anch’io, che saggia e previdente l’ho addestrato trascinandomelo dietro tra alberi, cespugli e rami, facendogli scavalcare tronchi caduti, sfiorare muretti e persino abituandolo ad infilarsi nella forcella formata da due rami di un albero. Luciano però protesta contro chi ha messo gli ostacoli: lui con la sua cavalla Fable non riuscirebbe a passare e neppure un asino con il basto potrebbe infilarsi lì in mezzo. Ma se con i nostri animali non possiamo percorrere sentieri come questo, dove possiamo andare? Sulla statale? Sull’allea cittadina? Pensosi affrontiamo la lunga salita, l’assenza di erba sulla mulattiera acciottolata consente di mantenere un passo regolare: ploc ploc, ploc: piccoli zoccoli neri, mossi dalla curiosità e dal piacere della compagnia. Pepito non è l’asino che portiamo a spasso, è uno di noi che si dirige verso il pranzo prelibato che ci attende. Al termine della mulattiera, quasi atteso, ecco l’ultimo dissuasore, coi suoi bei lucchetti. Ma siamo quasi contenti di dover riconfermare la docilità e l’agilità di Pepito. Ecco fatto, passati, ma … meglio non mangiare troppo, se no al ritorno saranno guai ! La strada asfaltata è calda e ci riflette il suo calore, sono quasi le 10. Arrivano i primi tafani e quegli insetti grossi, simili a enormi api, ma un po’ tonti perché quando si posano sono talmente presi dalla loro preda, che non si accorgono della mano che arriva a colpirli. Ad un certo punto la strada è tagliata da una canalina grigliata. Pepito si ferma. Non vuole passare, Luciano lo tira: “non farlo, non serve”. Aspettiamo un attimo. Poi riproviamo: questa volta passa, facendo un salto come se dovesse superare un ostacolo alto: illusioni ottiche? O lo fa per darsi un contegno, per simulare che sia davvero un’enormità, e giustificare il suo essersi fermato! Chissà, anche gli asini hanno una dignità da difendere!
Entriamo nel paesino, alcuni cani abbaiano, qualcuno si affaccia con il viso ancora stropicciato di sonno. Noi invece siamo svegli dall’alba, abbiamo già fatto un lungo cammino, raccontato tante cose, provato mille emozioni. Mi alzerò sempre presto, penso, quanta più vita c’è a disposizione alzandosi all’alba! Alcune signore si fermano a parlare con Luciano, intanto Pepito bruca un po’ d’erba mentre io gli scaccio gli insetti. Si accorge che parlano di lui e si volta: “ma che bell’asinello! “. L’ultimo tratto di strada, una mezz’oretta, Pepito la fa quasi al trotto. Io lo assecondo, divertita e sorpresa da questa improvvisa fretta (come fa sapere che siamo quasi giunti a destinazione?), mentre Luciano resta indietro e parla da solo perchè… non lo sentiamo più. Superiamo alcune persone, due coppie, e mi sento felice di essere lì con lui, in compagnia del mio migliore amico, del mio asino. Felice e orgogliosa. Guardateci: siamo stati inviati a pranzo, ci siamo preparati e sistemati per bene, siamo partiti ed abbiamo affrontato un lungo cammino, non privo di difficoltà ed imprevisti, per raggiungere la baita dei nostri amici: Mauro, Isabel e la dolce Celestina ci aspettano! Sbrigati Luciano! Ecco il cancello e poi il vasto terreno esteso fino a perdita d’occhio, tutto recintato, tutto per Pepito! Lo tengo legato fino alla casetta, perché veda dove ci fermiamo, poi lo libero, prendo il secchio (finalmente ho l’occasione per usarlo!) e lo riempio alla fontana: ecco puoi bere! Lui annusa, curioso, ma preferisce iniziare il suo pasto d’erba. Libero. Felice. Gironzola qua e là, immagino sia attratto dalla varietà di odori e dalle novità di sapori. E’ libero, ma non si allontana. Non credo che sia per diffidenza o timore del posto nuovo, ma piuttosto per il piacere che gli dà il sentirci chiacchierare e il poterci vedere. Infatti ogni tanto arriva, senza fretta, ma risoluto e mi si appoggia contro, mette la testa sulla mia spalla, come per dire: “io sono suo”, o “lei è con me, siamo venuti qua insieme”, constatando una realtà, senza malizia, con la semplicità di un asino sincero. E penso che è vero: in qualche modo non solo lui è mio, ma anch’io sono sua.
Mentre noi pranziamo lui smette un attimo di brucare e infila il muso dentro al mio zaino: certo non cerca cibo, ma lo fa solo per controllare e curiosare, come se dicesse: “qua portiamo le nostre cose, aspetta che guardo se c’è tutto.”. Eh sì carino! per ora la soma la porto io, il mio e il tuo bagaglio, tutto nel mio zaino, ma appena sarai un po’ più grande mi renderai il favore! A Settembre o Ottobre sarà pronto il tuo basto e … vedrai che grandi cose faremo, io e te, una folle con un asino baio, cloppete cloppete.
Pepito non stare qua, a fianco di me sulla panca, che mi viene la tentazione di salirti in groppa. Breve dibattito sull’età che deve avere un asino per poter essere cavalcato, sul peso e la posizione del fantino, sulla durata della prova e … mi avete convinta, se salgo solo un attimo e mi appoggio pian piano non lo danneggio. Ecco, ci sono, mi stacco dalla panca, gravo sul dorso di Pepito, un po’ avanti. Lui neppure si muove. Tranquillo, come se niente fosse. Cavalco a pelo! Ma sono già scesa, tanta è l’apprensione di fargli del male. Celestina, come carico, è un carico lieve: non ha ancora sei mesi, gli occhi brillanti di gioia e la bocca aperta in un fiducioso sorriso, alla vita, a noi, all’asinello!
Sono le quattro, ci prepariamo.
Se la pancia riesce a contenere tutta l’erba che Pepito ha mangiato, la gioia, invece, è incontenibile: all’improvviso una sgroppata, un calcetto laterale e via, di corsa, al galoppo, corri corri! questo è il tuo modo di ridere, di ringraziare, di dimostrare quanto sei felice!
Si riparte. Con audacia e ottimismo scegliamo di tornare seguendo un altro percorso, un sentiero ripido e dal fondo sconnesso, che una volta l’anno scorso abbiamo tentato in salita, ma senza riuscirci perché Pepito, dopo aver fatto molte storie prima di decidersi a passare il primo ruscello, si era poi categoricamente rifiutato di oltrepassare il secondo , costringendoci a tornare indietro, salvo poi rifiutarsi di ri-attraversare quello superato all’andata: avevamo rischiato di accamparci lì, in attesa della stagione secca e del prosciugamento dei fiumi! Purtroppo, mi ricordo bene, solo con le maniere forti eravamo riusciti a farlo passare. Triste esperienza. Ma oggi ci sentiamo sicuri di noi e … di lui!
Cammina cammina, tutto bene, Pepito forse è un po’ stanco e non si concede divagazioni, segue tranquillo, anche nei tratti scivolosi. Noi, senza confidarcelo, aspettiamo con ansia la prova ruscello. Penso alle piogge serali, violente e abbondanti, che avranno senz’altro ingrossato questi due torrentelli. Ed eccoci lì, Luciano, che tiene Pepito, esita un attimo e Pepito coglie questa debolezza e si rifiuta. Lo prendo io, torno indietro qualche passo, gli abbasso un ramo perché possa mangiare le foglie, gli parlo tranquilla, poi lo dirigo con scioltezza, come avevo fatto tra i tubi, e attraversiamo il rumoroso ruscello. Bravo Pepito: e la carota è il tuo premio, tienilo presente tra pochi metri! Infatti, ecco il secondo ruscello, qua l’attraversamento può avvenire o nell’acqua o passando su una grossa pietra. Temo che sia scivolosa e di finire io stessa a mollo, invece, via, decisi, e lui è alle mie spalle, di qua, in attesa della sua carota. L’hai meritata! Bravo! Bravo!
Che soddisfazione che sollievo sapere che anche questa paura è scacciata, che, forse, rimane solo il grande problema della strada e del traffico e del guard-rail metallico col vuoto dietro. Ma, abbiamo tempo e buona volontà. Speriamo.
Il sentiero finisce nei pressi di una casa semi-abbandonata, occupata più o meno clandestimanete da un gregge di simpatiche capre. Pepito si ferma, incuriosito. Muso a muso, forse osserva quelle pupille sottili, caratteristiche delle capre, ma due corna ricurve lo dissuadono dall’approfondire lo studio, vieni, andiamo, quelle sono capre: ti piacciono? ne vorresti una per avere compagnia? Non mi risponde, o, forse, non voglio sentire…
Passiamo un ponticello e imbocchiamo una bella strada sterrata, una mulattiera in piano, all’ombra. Abbiamo caldo e siamo un po’ stanchi. Pepito cammina dietro me, è stanco anche lui. Un tratto di asfalto, la strada dove le moto corrono veloci, ma per fortuna oggi ne passano solo tre e vanno piano e non ci spaventano, poi la rotonda, che Pepito percorre con attenzione, ed eccoci ai piedi della montagnola con il brutto sentiero scivoloso e ripidissimo, che dobbiamo risalire, con tanta fatica, per poi scendere dal bosco, sul lato opposto, proprio sopra alla casa di Luciano e al terreno ove abita Pepito. Ultimo sforzo, eccoci in cima, ora scendiamo, di solito qua mi fai arrabbiare o perchè vuoi correre giù e mi spingi e non ubbidisci, invece adesso sei stanco, si proprio “stanco come un asino”, e non sprechi le tue forze per tirare e litigare. Penso che dovrei sempre addestrarti quando sei stanco, così sei remissivo e non dobbiamo discutere per ogni cosa. Alla sua casa Luciano si ferma: la sua cavalla si affaccia al recinto: non l’abbiamo portata con noi perché è in attesa di un puledrino! Le scaccio le mosche dagli occhi, con il gesto naturale che uso per buttarmi indietro la frangetta sulla fronte. Che armonia con i nostri animali!
Pepito cammina veloce nell’ultimo tratto di strada, ove di solito si ferma a pascolare, attraversiamo l’arena ed eccoci a casa! Toh, l’ultima carota! Sei davvero un Pepito d’oro, pepitino mio! Ti levo la capezza e ti accarezzo il muso: mi sono riproposta di non baciarti più il naso, ma … non riesco a trattenermi. Poi tolgo dallo zaino la pala, il secchio, la corda, la longhina. Riempio i secchi d’acqua e la mangiatoia di fieno. Buonanotte Pepito, non se se gli asini sognano, ma se lo fanno, so cosa sognerai stanotte. E sarà il mio stesso sogno.
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker