Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Dicembre 2018 >>
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

Finalmente...è nato!!!
Commenti : 23
bruno il 13-Giu-2014 in Generica
La natura fa sempre il suo corso, di questo ne sono convinto.
Ieri sera ultimo controllo di Camilla a mezzanotte e mezzo, le mammelle sono gonfissime ma dai capezzoli non esce nulla. Vado a letto, un po' pensieroso. Alle h. 6,30 mi sveglio con il pensiero di andare a controllare, esco di casa e mi diriggo verso il recinto. Comincio ad intravedere la stalletta, Camilla è fuori ma tiene la coda alzata e dalla vagina le pende qualcosa. Ci siamo, penso, ed affretto il passo. Vedo che in terra davanti al suo muso c'è una massa scura, inerme, è il suo piccolo, lei ha già partorito. Il piccolo però non si muove, è ancora bagnato. Vengo preso da una sensazione di disagio, incito Camilla a prendersi cura di lui, lei sembra capirmi, comincia a leccarlo e lui...comincia a muoversi. Siii è vivo, dopo poco tenta di alzarsi ed appena in piedi, come natura insegna, si dirige verso le mammelle della madre, come avesse sempre saputo dove fossero, ed inizia a succhiare.
Brava Camilla sei stata bravissima.
Lui si sdraia di nuovo in terra e lei continua a leccarlo, anche nella zona genitale, cerco di scorgere il sesso ma senza riuscire. Si alza acora e dopo qualche passo si protrae in avanti, piega le zampe posteriori e fa pipì...è un maschio.
Athos, deciso, si chiamerà così, un piccolo moschettiere che combatterà contro le avversità della vita, o un piccolo Dio greco con doti immortali.
Orfeas
Commenti : 11
heidiepeter il 08-Giu-2014 in Generica
Il 7 di Giugno dell' anno scorso Orfeas é entrato a fare parte della nostra famiglia.
L’avevano trovato in giro per le strade di Arisvi, un paese attaccato a Kalloni, degli amici miei, ovviamente qualcuno lo ha abbandonato o mandato via.

Orfeas non era in buone condizioni, troppo magro, la schiena troppo dritta e al centro della spina dorsale un blocco che ha ancora oggi, i segni della catena incarnata sul naso e sotto il muso, segnato è ancora oggi dal sottopancia tirato troppo stretto, il dentista gli ha trovato i molari lisci e il maniscalco che è arrivato il giorno dopo era perplesso, in più gli avevano tagliato la punta della coda, zoppicava e ogni tanto zoppica ancora.

Persino il mio vicino pecoraio aveva notato dopo mesi che lui stava sempre da solo, non si era aggruppato agli altri, girava da solo e l’estate scorsa scappava spesso e dovevo andarlo a cercare per i campi aperti e coltivati, che non era cosa molto gradevole nei pomeriggi in pieno estate sotto il sole che batteva spietatamente, che poi ho pagato 150 €, senza batter ciglio, per una coltivazioni di meloni distrutta da Orfeas dopo un paio di sue visite.

Un giorno di Gennaio mi accorsi che lui si era aggregato agli altri, aveva iniziato a correre e giocare con Carlotta e Pegasos, credo che lo abbia imparato vedendo Blanco che divertiva tutta la compagnia e coinvolgeva tutti ai suoi giochi.
Poi segui un periodo baldanzoso, tutti a correre, persino Marco, solo Afrodite che seguiva da ferma, qualcosa lo vedeva anche ma teneva sopratutto le orecchie rizze.
Ha fatto molte corse e impennate con Pegasos, Carlotta mi pare che non ne ha sempre molta voglia - anche se correre le farebbe bene visto che è un pocicciona e ho chiesto il maniscalco se non è un problema per i suoi zoccoli e le gambe, e ha detto che le fa bene - e lo caccia, forse lui ha anche un po esagerato e ultimamente hanno diminuito, ho osservato che Carlotta lo tiene un po alla larga e Pegasus da quando mancano gli altri due, si è appiccicato a lei.
Adesso ha messo su un po di chili, ha un bel pelo anche grazie alla crusca, il punto sul naso è rimasto sensibile e ogni tanto se lo riapre, ora gli metto il “Balsamolado” olio d’oliva con ipericum perforatum che qui usano molto, chiude bene

Quasi tutti i giorni gli faccio uscire dal recinto la mattina, insieme fanno il giro, prima vanno verso l’uscita a Nord, poi virano verso Est, a volte all’interno dal recinto dell’areale, a volte all’esterno lungo la strada sostando in questi giorni per un giro nel campo di fieno appena tagliato, seguono poi verso il fiume fino al gazebo dove sostano sempre a lungo, incontrano turisti e dove sopratutto c’è un erbetta deliziosa Poi virano a Sud, verso la foce, anche li, a volte sostano un po, poi accostano il mare verso Ovest e tornano verso Nord, verso all’entrata dell’recinto, intanto sono le sei o sette, hanno sete e rientrano, Carlotta e Pegasos vanno in stalla e Orfeas al suo posticino sabbioso preferito più verso il mare e si mette un po giu dopo una ruzzolata, poi raggiunge gli altri.
Generalmente va cosi, a volte vanno verso il villaggio, al posteggio, o al prato sulla altro lato, sempre lungo il mare.
Io ogni tanto faccio la ronda, a volte sto un po con loro, sopratutto su al gazebo.
A volte gli devo fare rientrare o almeno gli riporto vicino a casa verso sera quando si allontanano troppo, a volte fanno il giro due volte.
L’altro giorno sono tornata dalle spese e loro erano dai militari che adesso sono ritornati alla piccola base in spiaggia, i miei vicini estivi, avevano chiuso il cancello di modo che gli asini brucassero il praticello che hanno li, non erba alta, mi pareva che più che altro gli facessero piacere averl li.
Orfeas segue gli altri e se brucando gli perde va a cercarli, anche ragliando e gli altri due guardano sempre dove sta.
Orfeas è un ragazzo molto sveglio, gli piacciono le coccole e ha perso la diffidenza mista al piacere di esse preso sul serio, si vede che è felice di avere una “famiglia” fare parte di un banco dove viene percepito, rispettato e amato.

Metto delle foto "prima e dopo" in galleria
FIFA blu
Commenti : 60
Bicmak il 07-Giu-2014 in Generica
Telefonata del gestore del maneggio: "Tony sta male, non si alza, non mangia..."
Appuntamento con un cliente piantato a metà -per fortuna era a Como- e via di corsa rischiando la patente...
Venti minuti dopo ero da lui, che come sempre mi aspettava all'angolo del recinto... Come se sapesse che sarei arrivato (certo che lo sapeva!).
Non appoggiava la posteriore destra ed aveva un'aria sofferente ma al tempo stesso felice di vedermi.
Contemporaneamente arrivava la veterinaria (non la nostra 'solita', ma comunque una buona scoperta) che mi confermava che c'è un dolore all'interno dello zoccolo, forse per una botta forse per una infezione.
Una bella puntura (scusate non so di cosa, ma non ero molto lucido) , e poi un impacco con "animalintex", da sostituire e continuare pre tre-quattro giorni. In più, una volta al giorno, una bustina di Equipalazone e dovrebbe andare tutto a posto. Dopo un'ora già stava visibilmente meglio ed appoggiava quasi normalmente il piede.

Oggi ho rifatto l'impacco e gli ho dato l'Equipalazone, ma per tutto il giorno non ha appoggiato il piede. Probabilmente a causa del fatto che era passato l'effetto della puntura? Lo so, se mi fossi peritato di controllare cos'era (antibiotico? Antidolorifico?) sarebbe stato meglio...
Nel rifare la fasciatura si sentiva odore cattivo, vediamo domani se, come previsto dalla vet, ci sarà spurgo, che sarebbe un buon segno.

Certo che quella mezz'ora me la ricorderò, anche se devo confessare che ho vissuto sensazioni che tante volte mi sono immaginato, considerando la sua età e il fatto che prima o poi...

Come sempre, pur aspettandomela sono rimasto colpito da come Tony è stato felice che io fossi vicino a lui. In questi giorni avevo giusto provato a spiegare ad una persona il rapporto che si crea... Non ci sono riuscito e sono convinto che mi abbia preso per matto. Per fortuna ci siete voi, popolo di Raglio, che capite perfettamente cosa intendo!

A preso notizie spero belle.
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker