Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Dicembre 2018 >>
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

Stallettina bellina
Commenti : 17
vale il 27-Gen-2009 in Generica
Ebbene si, non ho resistito alla tantazione, e allora eccoci qui a parlare della stallettina bellina nuova, leitmotiv che mi risuonava in mente come un mantra, mutuata da un vecchio libro di Simenon e dal marinaio russo che parlava così della sua barchina bellina, mentre ci davo con chiodi e martello…la falce ve la risparmio, ma anche lei ha fatto ill suo in questo lavoro.

Dicevo…finalmente la stallettina bellina è finita e ci siamo trasferiti, da 100m Nord a 50m Sud, rispetto a dove dormo io ….elcholo, domani attivo il GPS – giuda per somari – e ti do la posizione esatta! (faccina che ride) ….ok…mi sono ripersa!!!!

Dicevo…ci siamo trasferiti perché non potevamo stare ancora a lungo a scrocco nella stalla maniero da asini nobili, che ci pioveva pure dentro cheddio la mandava, ed ora diventerà una villettina bellina, e allora ci siamo dati da fare…

Il capoccione sembra soddisfatto quasi quanto me, ha mooolto più spazio e cose nuove da scoprire, compresi i fichi d’india, da bravo siciliano ne va pazzo…si annoia meno e raglia meno..credevo il contrario, lo facevo più abitudinario…invece mica scemo l’amico, ogni giorno mi stupisce.
Ogni giorno imparo qualcosa, e passo del tempo ad osservarlo nel nuovo ambiente…

E ora dichiaro ufficialmente aperto il festival delle…..CRITICHE!!!!!!

Sotto a chi tocca, altimenti a che serve raglio.com???
A migliorarci!!!

Ps stallettina bellina in my gallery

Riflessioni e notizie
Commenti : 4
max il 27-Gen-2009 in Generica
Sabato e domenica passate dovevano essere, per Gustavino, giorni decisivi. Ho passato 2 notti insonni per i dubbi e le paure, poi sono arrivati i veterinari (erano 2) ed era tutto pronto: pensate, per la prima volta con la capezza e legato al palo è stato bravissimo e dolcissimo. Incredibile. Poi, in seguito ad una mia riflessione a voce alta (parlavo del ritardo di crescita di Gustavo) al veterinario è venuto un dubbio: i testicoli sono scesi? Visita veloce con lo stupore di Gustavo e, come temevo, non erano del tutto scesi e sono piccoli (ha circa 11 mesi). Decisione su due piedi e tutto rinviato di almeno un mese. Il lato positivo è che Gustavo ha reagito benissimo a capezza e lunghina al palo: quasi un'ora (d'accordo, di coccole) non l'hanno scalfito e una volta sciolto, ha giocato tutto il giorno con me, che mi sono super rilassato. E' pazzesco, anche la famiglia ha subito i miei due giorni di tensione.
Poi, il giorno dopo, parlando con un amico tedesco, ho saputo di un fatto veramente sconvolgente di circa due anni fa: a Città della Pieve (PG), un agriturismo aveva, da tempo, un asinello che girava nel giardino tranquillamente. Improvvisamente un giorno la proprietaria si è accorta che l'asino non c'era più. Dopo qualche ora di ricerche inutili, si sono ricordati di un pozzo, coperto di legne accatastate. Sono saliti e, in mezzo alla catasta c'era un buco. Si sono affacciati e l'asino era in fondo al pozzo. Panico: prima chiamata al veterinario e poi ai pompieri. Il veterinario arriva, con la scala si cala nel pozzo profondo circa 5 ml. e visita l'asino. Sembrerebbe solo un po' stressato, poverino. Arrivano i pampieri. Il camion con l'imbracatura per estrarlo non può accedere. L'unica soluzione è l'elicottero. Arriva l'elicottero (ed anche qualche televisione locale) e, dopo aver assicurato l'asino, lo hanno estratto incolume dal pozzo (l'acqua, per fortuna, era solo alla pancia). Abcora oggi pascola nell'agriturismo. Sembra che sia passato anche in Tv. Qualcuno sapeva di questo fatto?
Pazzesco davvero, non trovate?
vive di poco posto et contentasi di ogni cosa
Commenti : 2
lilla il 23-Gen-2009 in Generica
“Vive di poco posto et contentasi di ogni cosa, sopporta molto la carestia, la fame, la fatica, le busse, è patientissimo d’ogni persecutione, di semplicissimo, et poverissimo spirito, sì ch’egli non sa discernere tra le lattughe, et i cardi, di core innocente, et mondo, e senza colera, et ha pace con tutti gli animali; onde in merito di questa sua bontà non ha pidocchi, rare volte inferma, et più tardo che ogni altra bestia muore”.

una citazione di TOMMASO GARZONI, studioso e autore rinascimentale che ha saputo rendere più di altri, in poche righe, le innumerevoli doti dell’asino.

Il titolo non c'è
Commenti : 4
ragliaconnoi il 21-Gen-2009 in Generica
Questo non è un vero blog e forse il capo mi sgriderà,ma poi mi perdona.

Tempo fa mi telefona un vecchio amico - sono a Bologna passo a trovarti- erano circa sette\otto anni che non avevo sue notizie , un uomo di cavalli , un appassionato anche di asini.
Quando arriva , baci e abbracci - ma dove sei sparito??-
-Guarda la targa della macchina- Polonia,allora ti occupi ancora di cavalli?-
-Sì,ma mi vergogno a dirtelo,cristo devo pur lavorare,mi pagano bene,in cinque anni ne ho comprati più di 30.000
-Vengono macellati là in un macello italiano con personale polacco e poi spediti in Italia con camion frigo.
In Italia vengono "confezionati" e partono per i vari mercati europei ma anche cinesi e giapponesi dove la bresaola è un piatto ricercato.TRENTAMILA??
-Li raccolgo in tutto l'est europeo e non , Moldavia , Bielorussia , Ucraina ecc-
-Se non lo facessi io lo farebbe qualcun'altro,quando chiuse lo zuccherificio sono rimasto senza lavoro e...lo sò,non dirmi niente-




Sta volta lo documento...
Commenti : 8
elcholo il 15-Gen-2009 in Generica
Attenzione!
Vi sembrerà che vi sto raccontando qualcosa già visto e straraccontato...bè potrà anche essere così, ma porta il marchio Raglio.com e un'"ideuzza" in più per tutti voi.
Dunque, dicevo....dicevo??Ah si:
Giorno: oggi
Azione: passeggiata (che dai veri tecnici può essere definita trekking, ma che io mi limito a chiamare "camminata").
Luogo: sentieri di campagna limitrofi al terreno diventato di Floridippo e Gazzosa.
Protagonisti: Gazzosa e El Cholo (in pratica io, no?).
Destinazione: si decide strada facendo.
Grado di difficoltà: praticamente nullo (se non fosse che a volte la 'dolce' Gazzosa proprio non ha alcuna intenzione di collaborare, ma vabbè gli artisti si sa che un po' se la tirano sempre).
NEWS: GPS che registra il percorso, memorizzando distanza, velocità e tempo impiegato.

Dunque oggi è il gran giorno. Dopo giorni di approfondito studio del meccanismo in questione, dopo aver individuato le potenzialità che un oggetto può avere se opportunamente utilizzato nel giusto contesto, decido di applicare quanto 'studiato' in teoria alla pratica.
Forza Gazzosa, armati e partiamo! Vabbè dai ti aiuto: capezza, corda, acqua per me, bè mi sembra che ci sia tutto. Si esce. Clic, parte il navigatore. Innanzi tutto usciamo almeno dal cancello!!
Devo dire che i presupposti ci sono: il sole va e viene, il clima è abbastanza mite per essere gennaio, Gazzosa sembra mite per essere Gazzosa, le strade sono tranquille, il navigatore dice che abbiamo già percorso 3,2 metri!! Bè, chi ben comincia...
Giunti ai 4 metri di percorso, primo grosso intoppo: pozzanghera con a seguire strada asfaltata da attraversare e relative macchine in arrivo...eh, ma oh, ormai ho affinato la tecnica! Quindi accompagno la mia 'tenera compagna' al limite della pozzanghera, mi fermo, osservo la strada, vado...cioè andiamo ovviamente. Superata questa, ormai son tutte stradine sterrate di campagna, niente più intoppi! Cominciamo a scendere, mentre il navigatore si avvicina vertiginosamente ai 30 metri!! Oh, sembra che siamo scarsi, ma poi ingraniamo eh!!
E infatti appena Gazzosa si rende conto che ormai la strada è tutta per noi, comincia a passeggiare allegramente al mio fianco...o dietro di me...o avanti, dipende dai momenti. Proseguiamo così per un pezzo, io un po' preso dai miei pensieri sul percorso da seguire, sulla distanza massima a cui arrivare tenendo conto che poi dobbiamo tornare (vabbè che Gazzosa è allenata, ma non si sa mai), lei tutta occupata a captare ogni rumore prodotto da attività umana e non nelle vicinanze: un repentino rizzarsi delle orecchie da un lato ed ecco che dopo pochi secondi anche io riesco a percepire che forse è in arrivo un trattore o qualcosa di simile (ma tanto lei mi anticipa sempre eh!); poi si ferma per un momento, giusto per collocare alla necessaria distanza di sicurezza un abbaiare in lontananza. E così, cammina cammina, ecco che il GPS (acquistone eh!) segna quasi 4 Km!! oh, tenendo conto che devo anche tornare indietro ovviamente, non è che c'ho il teletrasporto, penso che per oggi mi posso anche accontentare. Mi fermo, faccio per sedermi, convinto che un po' di riposo possa essere gradito anche dalla mia compagna, ma niente, lei mi guarda con le orecchie alzate come a dire: <>.
E via, si riparte, verso il ritorno, questa volta la strada se la ricorda Gazzosa, quasi mi guida lei...proseguiamo placidamente, ognuno immerso nei suoi 'altissimi' pensieri, quelli di lei rivolti forse al fieno che l'aspetta in stalla, i miei dedicati ai futuri usi del GPS (del tipo chi volesse potrebbe usarlo nel suo trekking, scaricare il percorso compiuto a pc e inserirlo su Raglio.com), quando mi vedo venire incontro due persone a cavallo seguite da alcuni cani...bè tutto tranquillo, ma Gazzosa punta subito verso i cani, innevorsendo di conseguenza i cavalli, allarmando ovviamente me, ma alla fine tutto si risolve tranquillamente. I cavalli osservano Gazzosa, i loro proprietari le fanno i dovuti complimenti, dopodiche ognuno prosegue per la sua strada. Procediamo a passo spedito, ormai la meta è vicina, eccoci, 7 Km, 7 Km e mezzo, 8 Km, 8 Km e mezzo!!
Buono, per oggi ci possiamo accontentare, come primo trekking "registrato" non ci possiamo lamentare!


Tra fantasia e realtà, spero che questo sia il giusto "la" per tutti!
Coraggio! Muovete il c _ _ _

Ih Oh e Gazzosa

Widget powered by EveryTrail: GPS Geotagging
Gioia
Commenti : 15
liliana il 14-Gen-2009 in Generica
13 gennaio 2009
"prima nascita nella nostra spero prosperosa famiglia di asini"

x ragliaconnoi:ho tolto subito la capezza =)
Il babbo di Giovanni- parte 2°
Commenti : 5
ragliaconnoi il 13-Gen-2009 in Generica
Il babbo di Giovanni che si chiama Michele e ha 83 anni,mi raccontò che una volta,il babbo di suo babbo vinse un cavallo giocando a carte con un mercante.Lo portò a casa tutto contento e lo mise nella stalla.Il giorno dopo andò si avvicinò e si accorse che aveva mangiato tutto il fieno nella posta e bevuta tutta l'acqua e poi era troppo alto per lui e aveva anche perso un ferro.Allora il babbo del babbo del babbo di Giovanni,che si chiama Michele e ha 83 anni,tornò dal mercante e se lo fece cambiare con un asino che mangiava un giorno sì e uno no,beveva poco e lavorava piano come lui e al mattino appena spuntava il sole lo chiamava..Antoniiiooo !!
Quando è l'ora....
Commenti : 13
vale il 05-Gen-2009 in Generica

Quando è l'ora, la Befana
d'impazienza già trabocca:
l'alza su la tramontana,
fra le nuvole galoppa.

Se sia brutta vecchia e storta
non lo so e non mi importa,
so soltanto che il suo arrivo
rende tutto più giulivo!

Viene in groppa all’asinello,
che sapete è forte e bello,
che le orecchie ha lunghe assai:
se vi sente, o bimbi, guai!!!

Buona Befana!
Sotto col carbone, asinisti che non siete altro!!! ce n’è per tutti!!!
fidanzamento ufficiale
Commenti : 12
alessia75 il 04-Gen-2009 in Generica
Checco annuncia il suo fidanzamento con Madonnella (per gli amici Nella) ....e si ieri è arrivata dolce compagnia: coetanea, bellissima (moretta capelli lunghi , occhi languidi...) e soprattutto innamoratissima! ha un solo difetto non si lascia toccare dagli amici a due zampe , ma con cani e gatti e il suo fidanzato è tutta coccole e ragli..
Non so se sono impazzita, o che ne sarà di noi ma come diceva una famosa canzone " lo scopriremo solo vivendo"...
Gestire un asino per noi era già un avventura , ma checco sembrava essere infelice da solo, mancava davvero qualcosa e quel qualcosa portava il nome della sua compagna, ora dobbiamo conquistarla , ma oggi checco era davvero felice e mi ha ringraziato sdraiandosi sul prato accanto a me e addormentandosi tenero e rilassato con il suo capoccione nelle mie braccia e questo basta! è stato come se mi avesse detto "ora sono a casa, sono sereno..."
Ho mangiato degli asini!
Commenti : 8
Mora il 03-Gen-2009 in Generica
Ho mangiato degli asini - la "carne" era molto buono e tenere!
sono solo canzonette
Commenti : 2
sceccupensu il 02-Gen-2009 in Generica
“sono solo canzonette... non mettetemi alle strette...”
erano soltanto auguri, ho voluto farli anch'io.
Era un pensiero x Zìmichè, glielo dovevo. De Andrè, Guccini, Dalla, Modena city ramblers, Totò, Troisi, erano con me mentre scrivevo. C'era un mondo passato, dimenticato, calpestato su cui la storia è però passata come un carroarmato.
Era la fine dell'anno come la fine di tanti anni che non torneranno mai più così come non torneranno la mula di Zìmichè, i muli rapinati ai miei da Mussolini e “regalati” agli alpini...
non torneranno nemmeno i carretti rapinati dai “catanesi”...
c'erano le valigie di cartone, l'emigrazione di noi terroni, la terra abbandonata e poi devastata, devitalizzata, de-asinizzata.
C'è stato un pensiero improvviso, scatenato da un'associazione di idee e che mi è piaciuto ricordare: Peppino Impastato!
Perchè ho pensato che non ci sono stati soltanto Falcone/Borsellino/Pio La Torre ma molti altri il cui demerito è stato di avere il sangue molto rosso e una grande paura: passare ancora 10-100-1000 capodanni con la bocca tappata ma la bottiglia stappata.
Quando i tappi saltano c'è il botto perchè c'è “qualcosa” di poco palpabile che fuoriesce, dalla mia è fuoriuscito questo...che non c'entra con le bollicine ma con gli anni passati e quelli che arrivano, si. Ho soltanto stappato “altre bottiglie” ed era il mio personalissimo modo di farlo e poi il tappo di sughero non l'ho fatto neppure saltare ma l'ho gentilmente trattenuto tra le mani, il “botto” mi è sembrato abbastanza discreto...
Adesso però lo voglio dire: quando l'umanità intera sincronizza gli orologi e nello stesso secondo si abbraccia e si sorride con la stessa uniformata allegria, c'è qualcosa che non va... c'è un'idiozia di fondo che non posso fare a meno di notare. Se il mondo fosse non questo mondo, se l'umanità fosse non questa umanità, se non ci fossero “asinisti” ed “anti-asinisti” anch'io avrei fatto gli auguri così: FELICE ANNO NUOVO PER TUTTI!!! e nient'altro.
Se Luposolo avesse dato la notizia degli ennesimi bombardamenti su Gaza, prima dello scoccare della ½ notte, qualcuno, appartenente al popolo di Raglio.com, avrebbe avuto indubbiamente una certa resistenza a fare i soliti auguri ordinari...
e se tra la carne bombardata non ci fosse stata anche quella dei nostri amici raglianti ma i soliti vecchi, donne e bambini palestinesi? Tutto sommato meglio che gli auguri ce li siamo fatti prima.
Ma non volevo arrivare a questo... sono stato solo “messo alle strette” ed ho adesso continuato un pensiero che non prevedevo né tantomeno mi piace confermare, anche in queste occasioni, una certa fama da rompicoglione.
Infine, una banalità: non ci sono teoremi né postulati lombrosoniani o leggi etniche e di razza a cui io possa mai aderire... così come non tutti i catanesi sono eccellenti rapinatori, lo stesso vale per i bergamaschi, sia negli uni che negli altri ci stanno pure quelli incapaci... è una battuta!
Sai Msgis, perchè l'ho detto? Perchè nelle mie ricerche dei carretti trafugati ho avuto modo di conoscere parecchi “rapinatori catanesi” che mi citavano spesso i loro colleghi bergamaschi, parlandone con una certa ammirazione. A dirti la verità non so se è veramente così ma una certa fama nell'ambiente ce l'hanno. Chi ti dice che dovresti “utilizzare” questa dote? non è mica nei cromosomi di tutti i bergamaschi!...
Tuttavia, nella vostra mitologia avete un certo Pacì Paciana che il popolo della Bergamasca so che adora. Ma lui era un grande brigante del 700 che adoperava i muli e il pugnale non l'alfetta e la P38!
Che non si equivochi...






Pensieri di Greta...
Commenti : 28
vale il 02-Gen-2009 in Generica
Questo è un messaggio per Diana:
Cara Diana cerchiamo una compagna per Giulio. Medea ci è sembrata perfetta, perché si rotola per terra come Giulio e abbiamo pensato subito che era una giocherellona adatta a lui e se si rotolano insieme pensa che spettacolo. Pure Gina e Penelope e Diana ci sono sembrate molto dolci. Ora ti descrivo Giulio: è della stessa razza di Medea ed è un giochellone, appena lo portiamo nel recinto la prima cosa che fa, si rotola nella terra. Poi lo domiamo un pochino e lo portiamo in un altro recinto pieno d’erba e là inizia a galoppare. Molte volte si sente solo e allora prova a mordichiare che per lui è una cosa naturale, ma deve pure capire che ha la bocca il doppio della nostra. Con Medea invece si mordicchierebbero a vicenda. Dopo aver letto questo messaggio decidi tu quale delle quattro asinelle ha carattere uguale o che somiglia a quello di Giulio. Rispondici perfavore.
Ciao Greta e Valentina.

pensieri sparsi e lucidi, non corretti, di Greta, dieci anni, figlia de mi frate rotafixa, dopo un giorno qui e una libera navigazione su raglio.com

era vitale per lei trovare una compagna per giulio, come ogni bella favola con un lieto fine

solo una mia piccola ipocrisia vigliaccheria...come dirle che giulio non può metter su famiglia?
1/1/09
Commenti : 4
burro60 il 01-Gen-2009 in Generica
Salve, ci sono riuscito!
Era da un pò di tempo che non riuscivo ad organizzarmi una giornata di quelle belle, tra imprevisti e sfighe varie non sa da quanto tempo non passavo una giornata così.
stamattina di buon ora assonnato e con lo stomaco sottosopra vado dai miei amici, le asinelle le ho trovate come sempre tranquille che aspettavano davanti al cancello. La cavalla era agitatissima, evidentemente i botti della notte non li ha apprezzati, il tempo non era un gran che delle grosse nuvole stavano arrivando spinte da un vento non fortissimo ma sicuramente fastidioso. Mentre faccendavo stavo quasi pensando di lasciar perdere l'uscita in calesse ... l'ennesima rinuncia... e poi il 1° dell'anno? No! e poi no! Ho smesso di pensare al brutto tempo immagimnando una splendida giornata di sole, Lucia, la cavalla, appena entro nel recinto mi si avvicina come la solito, infilo la capezza la porto fuori non riesce a stare ferma, guarda in giro con sospetto, decido di prendermi tutto il tempo necessario per tranquillizzarla prima di vestirla ed attaccarla. Mai come questa mattina riesco a comunicare con lei mentre la striglio passando la spazzola sul suo mantello con ritmo lento e regolare le parlo con calma gli dico cosa avremmo dovuto fare e di dimenticarsi il frastuono della notte. Sembra aver capito le mie parole. Sistemati i finimenti con cura attacco il calesse controllo più volte che tutto sia a posto per prendere ancora più tempo. Salgo su ed usciamo raggiungiamo le prime abitazioni: nessuno per strada un silenzio strano, surreale non è normale, Lucia se ne rende conto e gira la testa in continuazione cercando le persone che di solito incontriamo. Andiamo avanti ancora un pò al passo, poi comincia a chiedere le redini allungando il collo, la lascio distendere mi sembra tranquilla, gioco un pò con le redini per richiamare la sua attenzione: la sento attenta, pronta e quindi procediamo al piccolo trotto. Lucia è concentrata sulla strada non pensa più ai botti. Non ci interessa più neanche il tempo, anche si si sta alzando ancora di più il vento, nell'aria rimbomba il suono dei ferri, siamo avvolti da una sensazione di pace.
Purtroppo la passeggiata con Rosa e Nanà non è stata possibile,ma è andata meglio così.
Dopo aver sistemata Lucia, mi siedo su una panca sotto la tettoia riparata dal vento, tiro su la zip della giacca e mi calo il cappuccio in testa e resto a guardare le somare mi sembrano più belle del solito (sono calmo rilassato in pace. Credo di essermi appisolato perchè mi ritrovo senza accorgermene la testa di Rosetta appoggiata sulla mia spalla ed io con la testa reclinata leggermente in avanti appoggiata sul suo collo. Non riesco a descrivere le sensazioni provate in quel momento, Rosetta la selvaggia, la ribelle, si era avvicina con dei movimenti impercettibili a cercare un contatto, lei che spesso lo rifuta. Poi è arrivata anche Nanà, la bos, Rosetta ha accennato ad un piccolo movimento per spostarsi l'ho trattenuta appoggiandole la mano sul collo e si è fermata: siamo rimasti così io tra Rosetta e Nanà per un bel pò di tempo. Non mi sarei mai alzato.
Ho aspettato che fossero loro ad allontanarsi. Che bell'inizio d'anno.
asini assassinati?
Commenti : 4
luposolo il 01-Gen-2009 in Generica
I sofisticati mezzi di distruzione israeliani vogliono colpire le infrastrutture di hamas a Gaza: anche questo asino fa parte delle infrastrutture! non hanno mezzi per muoversi, non hanno medicinali, non hanno lavoro; ora gli distruggono il poco che rimaneva, comprese le scuole e l'università.
Che brutto anno sta cominciando.......
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker