Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Ottobre 2020 >>
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Febbraio 2019
Gennaio 2019
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

santi e peccatori.....
cannonau il 17-Gen-2011 in Generica
Inseguendo “spi…ragli” di giustizia e tolleranza insieme agli amici volontari di “Pantagruel”, ai margini sociali, tra gli “ultimi”, ci siamo trovati, io e due asinelle, nell’area verde del femminile di Sollicciano (il carcere di Firenze). Lì abbiamo costruito le stalle, ci portiamo il fieno, e le ragazze detenute ritrovano un contatto affettivo lontano dalle loro pene. Dietro quelle sbarre ci sono anche cinque bambini sotto i tre anni con le loro mamme, e molti altri entrano, nell’ora delle visite, per trovare i propri genitori. Per questo è stato voluto e realizzato il “giardino degli incontri”, uno spazio verde accogliente, affinché le visite per quei bambini non siano un trauma. Facile immaginare come le asinelle, in questi momenti, possano regalare serenità.
Poi ci sono gli orti biologici al maschile, ed anche qui, dal letame ai lavorini dell’orto, le due amiche dei detenuti sapranno essere molto utili.
Quando le ragazze saranno in grado di gestire le asinelle, e le persone (ed anche se stesse), fuori, dove si vive in libertà, allora potrà esserci per loro l’opportunità di una uscita per provare a prendersi cura di qualcun altro fra gli “ultimi” o, magari, di andare al mercato di Scandicci a vendere i prodotti dei loro “colleghi” ortolani.
Intanto, con Lina, ci dedichiamo ad insegnare loro come curare le asinelle e guadagnarsi la loro fiducia, e parliamo tanto della nostra visione asinina delle cose.
Da loro ho saputo che San Leonardo eremita (un Signore che rinunciò ai privilegi di un ricco casato) è il santo protettore dei detenuti, e che il re Clodoveo, per riconoscenza, donò a Leonardo, affinché costruisse la sua basilica, tutto il territorio che fosse riuscito a percorrere in groppa ad un asino!
Curiosità: San Leonardo è il patrono del paese in cui sono nato e nella sua Basilica sono stato battezzato. Non sono un credente, ma queste coincidenze mi solleticano.

Commenti

In questo momento ci sono 12 commenti
Inserito da francescosid il 17-Gen-2011 alle 14:01:35

Moderazioni espresse: 0
splendido cannonau, sicuramente allora conosci Giuliano, che oltre alla sua passeggiata irrinunciabile con l'asina si occupa di ergastolani.Chissà se le asinelle riescono a trasmettere un po' di libertà dentro sollicciano.
complimenti ed un abbraccio
Inserito da elcholo il 17-Gen-2011 alle 16:01:02
Bellissima iniziativa! Bravissimo
Inserito da platero il 17-Gen-2011 alle 21:01:04

Moderazioni espresse: 0
"mi fece tornare in me il raglio di un asino sulla piazza del mercato. L'asino mi colpì fortemente e al contempo mi piacque molto: e da quel momento tutto parve rischiararsi nella mia mente" F.M. Dostoevskij

il potere terapeutico dell'asino.
Inserito da Mora il 17-Gen-2011 alle 22:01:09

Moderazioni espresse: 0
bella iniziativa - da noi c'è un progetto simile in una prigione con giovani delinquenti: loro lavorano con gli asini come una specie di terapia per la loro risocialisazzione, imparando di prendere cura e responsabilità. Se ti interessa, ti posso mandare le indicazioni in una m.p.

che strana "coincidenza " quello di San Leonardo!
Inserito da berto. il 18-Gen-2011 alle 08:01:19

Moderazioni espresse: 0
bravo cannonau,bello fare parte di raglio e poter leggere questi blog sugli asini ma non solo...
Inserito da cannonau il 18-Gen-2011 alle 10:01:36

Moderazioni espresse: 0
certo che conosco Giuliano, è con lui che abbiamo avviato il progetto. Ora si è dedicato ad un giusto riposo, dopo decenni di volontariato militante, e si gode gran parte delle giornate a chiacchierare con Stellina, la sua amata asinella. Stellina è una ciuchina nata da me.
Per Mora: mi farebbe molto piacere scambiare le esperienze con i ragazzi svizzeri.
Per Platero: quel raglio, drammatico e forte, che scuote e risvesglia, nella solitudine malinconica che un Dostoevskij demoralizzato racconta nelle lettere alla sorella, è un qualcosa alla quale tutti abbiamo diritto, almeno una volta nella vita.

Inserito da francescosid il 18-Gen-2011 alle 13:01:08

Moderazioni espresse: 0
Infatti conoscevo Giuliano quando negli anni ottanta aveva un doposcuola a Pistoia, poi si è trasferito a Fi, l'ho rivisto qualche mese fa perchè chiamato a parlare della trasformazione del quartiere pistoiese in cui lui aveva lavorato, metà del suo intervento è stato sul suo rapporto con stellina.
( o forse questo è sembrato a me).
Gli asini sono terapeutici.
Inserito da rasti il 18-Gen-2011 alle 20:01:45

Moderazioni espresse: 0
Cannonau come e' nato questo progetto di "recupero"?
Da chi?
Scusa le tante domande ma è molto interessante.

Il caso non esiste...
Inserito da cannonau il 18-Gen-2011 alle 23:01:25

Moderazioni espresse: 0
nasce un po' dalla riflessione indotta da una delle caratteristiche metaforiche dell'asino: la discriminazione. Ed anche dall'aspetto molto terreno che ha caratterizzato la visione di questo animale nel tempo: la parte meno divina e più umana,quella meno idealizzata, più reale quindi debole, volgare ma vera (l'asino non vola come il cavallo, sta li, con i piedi ben saldi sulla terra - umus/umile-). Nasce da un concetto di umiltà. Nasce dalla convinzione che un asinaro, lo è o lo diventa in virtù di una propria asinità, si guarda spesso indietro, sensibile a chi ha difficoltà a stare nel branco. Per questo siamo spinti a promuovere azioni rivolte alle categorie di persone costrette ai margini. Questo è solo uno dei progetti che sta andando in porto, con mille difficoltà ed un milione di soddisfazioni.
Inserito da rasti il 20-Gen-2011 alle 08:01:04

Moderazioni espresse: 0
Grazie Cannonau.
E come vedi queste ragazze con i Somarelli?
Vedi delle emozioni forti?
Inserito da cannonau il 20-Gen-2011 alle 13:01:51

Moderazioni espresse: 0
la storia sarebbe lunghetta: avevamo donato due asine molto socievoli, ma per lunghe traversie del mondo carcerario abbiamo dovuto riprenderle.
Sono poi arrivate due asine provenienti da un commerciante.
Purtroppo, o per fortuna, al momento dell'entrata in carcere le nuove asinelle erano un po' inselvatichite. Alla visita veterinaria noi non eravamo presenti. Ci raccontano le detenute che sono state brutalmente immobilizzate (torsione dell'orecchio; torcinaso).
Tutto ciò ha comportato un lungo lavoro di avvicinamento tra le ragazze e le asine, che quando ha dato i primi risultati è stato ancor più emozionante di quanto si possa pensare. Per loro è stata una conquista tanto insperata quanto inseguita. Questione di autostima.
La fotografia più fedele dello stato d'animo è racchiusa nell'espressione di Maria (quella che sembrava la più tosta delle quattro detenute addette alla cura delle asine) che parlando all'assistente sociale ha detto: quando finalmente ho abbracciato Marinella (l'asina)sono rinata! una felicità che non avevo mai provato e che non conoscevo...
Inserito da cacaone il 20-Gen-2011 alle 23:01:12

Moderazioni espresse: 0
dai cannone
-----
La fotografia più fedele dello stato d'animo è racchiusa nell'espressione di Maria (quella che sembrava la più tosta delle quattro detenute addette alla cura delle asine) che parlando all'assistente sociale ha detto: quando finalmente ho abbracciato Marinella (l'asina)sono rinata! una felicità che non avevo mai provato e che non conoscevo
----


è un gran bel premio per te.
che ne dici?

bravissimo cannone
Se vuoi scrivere un commento sul blog devi prima fare l'autenticazione Iscriviti al sito se non l'hai ancora fatto. Clicca qui
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker