Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Maggio 2022 >>
L M M G V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Marzo 2021
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

Il dilemma di Cacaone.
cannonau il 31-Ago-2010 in Generica
Caro Cacaone, è trascorsa l’estate senza che il dubbio che ti attanaglia abbia avuto risposta: “gli asini nuotano?”
Nella foto, siamo al lago di Bilancino, in Mugello. Sta tramontando il sole. Il mio amico Rolando si gode un romantico bagno con la sua cavalla Marilù. Ora, se nuotano i cavalli, è certo (per similitudine fisica) che nuotano anche gli asini. La differenza sta nel fatto che gli asini sono terrorizzati dall’acqua, pertanto è molto facile che il panico possa essere fatale. Un po’ come noi uomini: teoricamente, ed anche praticamente, possiamo nuotare (è una legge fisica) fatto sta che molti finiscono a fondo a causa del terrore.
Se può servire a rispondere alla domanda di risulta: “gli asini possono vincere la paura dell’acqua?”, un amico mi raccontò che un asino, che poi è diventato mio, stava gran parte del giorno immerso nell’acqua, con solo la testa fuori, per difendersi dai tafani che lo martoriavano.

P.S.: Cholo, forse avrei dovuto inserire nel forum, ma la mia proverbiale ignoranza weeb mi impedisce di inserire foto.

Commenti

In questo momento ci sono 14 commenti
Inserito da ragliaconnoi il 31-Ago-2010 alle 18:08:58

Moderazioni espresse: 0
Ho interpellato telefonicamente il mio veterinario di fuducia il quale mi ha spiegato che :
"Come in tutte le cose bisogna fare delle distinzioni. Non parliamo di attraversamento di fiumi e guadi o immersioni o tuffi (dove si tocca). Parliamo di vero e proprio nuoto, con movimento coordinato di tutti e quattro gli arti per tenersi a galla.
L’asino non nuota perché da studi biomeccanici comparativi con il cavallo è risultato avere una conformazione fisica che gli impedisce di fare passi di grande ampiezza (motivo per cui è più lento del cavallo), e quindi nel nostro caso gli impedisce di muovere ampiamente gli arti sotto di sé in acqua e perciò di tenersi a galla.
A questo aggiungasi anche il tipo di pelo, molto folto e più ricco di sottopelo del cavallo. Un pelo adatto alla vita nel deserto, ottimo al fine di allontanare sole e calore dal corpo dell’animale, ma che bagnato si asciuga molto lentamente, predisponendo l’insorgere di malattie fungine.
Per concludere, l’innata paura che l’asino ha dell’acqua è causata proprio da questi adattamenti fisici particolari che il cavallo non ha e che sono più favorevoli per la vita nel deserto, dove l’asino si è evoluto e sviluppato."

Vorrei aggiungere di mio che il modo di ragliare dell'asino,cioè inspirando aria per poi farla uscire con il raglio,può essere un'ulteriore impedimento se ciò avvenisse in acqua e quest'ultima entrasse nelle vie respiratorie.


Inserito da burro60 il 31-Ago-2010 alle 18:08:36

Moderazioni espresse: 0
Molto interesante
Inserito da elcholo il 31-Ago-2010 alle 19:08:31
All'interno del forum si possono inserire semplicemente foto più o meno come all'interno del blog.
Sono sicuro che prima o poi riuscirai a fare anche questo, stai a vedere che questa community migliora la tua capacità "webbistica" (per aiuti batti un colpo)
Per il blog mi piace e poi racconta un giorno e delle considerazione personali
Inserito da Mora il 31-Ago-2010 alle 21:08:13

Moderazioni espresse: 0
davvero molto interessante, soprattutto il commento del vet di raglia!
Inserito da cacaone il 31-Ago-2010 alle 21:08:14

Moderazioni espresse: 0
caro cannone,
mi fa' piacere che ti sia ricordato del mio quesito ( a dirla tutta non era cosi',ma..)
avete mai visto un asino nuotare?
io ero orientato a pensare che l'asino,molto simile al cavallo,potesse nuotare e lo sono tuttora... che cosa?
orientato.
pero' dopo aver letto il primo commento al tuo blog, quello di raglia,moito interessante, como definito da burro, il mio orientamento comincia a vacillare, nella risposta intravedo un qualcosa di scientifico/professionale.
è vero,molto intressante.
grazie raglia.
pero', qualcuno ,prima o dopo, mi dovra' dire in chiaro :
HO VISTO UN ASINO NUOTARE NELL'ACQUA ALTA(dove non toccava,il vet di raglia insegna)
certo, se nessuno l'ha mai visto nuotare, puo' essere, se l'asino non sa'/puo' nuotare...

ciao cannone,

abitante del gennargentu che il mare lo vede col binocolo,che pero' fa' il "baüscia" come si dice qui da noi.
ps : da notare la ü di baüscia con la dieresi che rafforza la pronuncia corretta della ü milanese/austriaca/germanofona

scusa ma ci tengo molto, euh, te lo lascio immaginare.

ps : se vuoi sapere cosa significhi baüscia vai su google/wikipedia
Inserito da cacaone il 31-Ago-2010 alle 21:08:22

Moderazioni espresse: 0
caro raglia,
ora ti faro' sorridere,non ridere.
perche' mi sono posto il quesito :l'asino sa' nuotare?

perche' anche oggi verso sera, ero in passeggiata con jack e lolita in riva al canale muzza.
la velocita' dell'acqua è notevole, 2 m/s = 7,6 km/h.
spesso mi sono chiesto, lolita sarebbe capace di uscirne se le capitasse di caderci dentro?
quando? in caso di scarto, se spaventata.
mi sono anche posto la domanda, e io che farei?
sicuramente conoscendo la mia testa di legno, mi getterei per salvarla.
ma sarebbe dura.
io, 104enne con sembianze giovanili (tutto relativo, come la teoria di einstein) , si fa' per dire,,riuscirei a tirarla fuori? temo di no'.
ciao, un po' piu' di molto interessante il tuo post.
Inserito da ragliaconnoi il 31-Ago-2010 alle 22:08:41

Moderazioni espresse: 0
Cacaone,facciamo così.
Quando vai a girare vicino,molto vicino,ad un corso d'acqua,lega la capezza ad una corda lunga e tieni un capo della stessa in mano.
Comunque stai tranquillo che l'asina scappa dove l'acqua non c'è,poi hai Jack che sicuramente la protegge da eventuali rompi scatole.
Inserito da cannonau il 01-Set-2010 alle 09:09:10

Moderazioni espresse: 0
Bene, anzi male, il dubbio di Cacaone persisterà ancora chi sa per quanto! non gli si fa certo del bene a questo ragazzo (!?) lasciato un’estate nel tormento del non sapere, con davanti la prospettiva dell’incertezza per ancora un lungo inverno!

Ho scomodato Rolando, il quale mi dice che i cavalli, si, nuotano, ma non hanno certo attitudine a tale pratica, pertanto lo fanno per pochissime “bracciate”, pardon, zoccolate.
Poi ho scomodato Archimede, il quale dice che « Un corpo immerso nel liquido riceve dal basso verso l'alto una spinta pari al peso del volume di liquido spostato » cioè a dire « Qualsiasi solido più leggero di un fluido, se collocato nel fluido, si immergerà in misura tale che il peso del solido sarà uguale al peso del fluido spostato ». Non ho voglia di fare il calcolo, il peso dell’asino è minore del peso dell’acqua a parità di massa?
Infine ho scomodato una mia amica dell’Istituto di Scienze Naturali, la quale ovviamente non ha mai visto un asino immerso nell’acqua, ma ha fatto la seguente considerazione: normalmente l’asino ha la pancia più voluminosa del cavallo, che contiene molta sostanza gassosa (le scoregge dell’asino sono note a tutti), da ciò è ipotizzabile un effetto “barca” che agevola l’asino nei confronti del cavallo. Sulla estensione delle zampe mi ha fatto notare che si rileva più nella spalla anteriore, mentre le posteriori hanno una discreta capacità di movimento, soprattutto laterale (i suoi calci laterali sono noti a tutti), quindi funzionale alla ipotetica nuotata. Inoltre mi ha detto che tutti i mammiferi hanno la capacità, chi più chi meno, di nuotare. E’ concorde anche nell’avversità verso l’acqua di questo animale venuto dal deserto.
Ho scomodato anche me stesso, ma fa poco testo, da amante di razze canine. Sulla questione del pelo mi son chiesto: come mai il cane nuotatore per eccellenza, tanto da farne un bagnino da salvataggio, è il Terranova, che in fatto di pelo e sottopelo la dice lunga? pardon, “lungo”.
Concludo con una personale triste esperienza: la notte di Natale 2009, vicino Prato un torrente ruppe gli argini inondando una zona dove erano ospitate, presso una fattoria sociale, due mie asinelle. L’acqua arrivò a circa un metro e mezzo. Le asinelle morirono annegate.
p.s.: ciao Cacaone,capisco che tu sia come S. Tommaso, dunque non facciamo altro che rafforzare il dubbio.
Nel mare ci sono nato! mia mamma era una Sirena...ora lo vedo col binocolo, dal campanile di Giotto! non mi stuzzicare sulle "u" che li gioco in casa.
Nel periodo di saldi di roba da mare, sto cercando una ciambella gonfiabile con l'asinello al posto della paperetta. Vorrei regalartela, giusto per farmi perdonare.
Inserito da cacaone il 01-Set-2010 alle 16:09:51

Moderazioni espresse: 0
caro cannone,
simpaticissimo il tuo post.
mi sono fatto piu' di 4 risate.
convinto che sara' cosi' per molti altri.
ineressante il fatto che sia tu che raglia abbiate scomodato persone valide per arrivare alla "conoscenza".
molto interessanti anche le tue considerazioni personali nel raffrontare il pelo dell'asino al pelo dei terranova.
mi piace molto l'idea della asinella gonfiabile, ne potrebbe uscire un affare, pero' silenzio, se devi fare un brevetto....
mi ha incuriosito "non mi stuzzicare sulle u"
agli albori del secolo scorso questo ragazzo(!?) ha fatto il CAR a siena e nella sua squadra c'erano ben 7 sardi su 19 componenti la squadra stessa.ho dei ricordi vaghi sulla pronuncia, ricordo solo un paio di frasi, una è : i moi mindiandu a domu, che significa io vado a casa(scrivo come parlo) l'altra è irripetibile.
non ricordo pero' u germanofone.

ciao simpaticone
Inserito da ragliaconnoi il 02-Set-2010 alle 11:09:13

Moderazioni espresse: 0
Anch'io avrei voluto farmi 4 risate,ma la disavventura delle due asine lasciate incustodite mi ha tolto il sorriso.
Inserito da cannonau il 02-Set-2010 alle 12:09:36

Moderazioni espresse: 0
sempre pronto con la latta di benzina, e dire che un tempo hai fatto il pompiere!
Inserito da ragliaconnoi il 03-Set-2010 alle 14:09:26

Moderazioni espresse: 0
No Dott.Useli,niente benzina.
Proprio per via del mio lavoro le posso dire che ho visto troppi animali morti perchè era stata loro preclusa ogni possibilità di fuga,cani alla catena o chiusi in box con copertura li ho visti fare la fine del topo,annegati o arsi vivi.Vacche incatenate nelle stalle,cavalli in box,ne avrei da scivere un libro.
Ora vedo spesso asinari e asinofili commetere lo stesso errore,lasciar soli e senza scampo i propri asini senza una adeguta sorveglianza o quantomeno una presenza umana che possa intervenire in caso di calamità.
Camilla e Adela,così si chiamavano le due asine,avrebbero potuto salvarsi se fossero state in un recinto elettrico che sarebbe stato certamente divelto dalle acque e che un'asino spinto dalla paura può facilmente sfondare? Avrebbero potuto salvarsi,come la capretta Fiocco ha fatto,se ci fosse stata almeno una persona che le liberasse lasciandole fuggire?
Personalmente non rischio mai e sempre quando mi allontano da casa,anche solo per un giorno o una notte,lascio qualcuno a vigilare.
Vedo molti asinari e asinofili che non prendono le dovute cautele e lasciano spesso i loro animali incustoditi,facili vittime anche di gente senza scrupoli.
Questo non è un'atto d'accusa verso chi aveva la responsabilità delle asine ma un invito a riflettere su cosa comporta essere responsabili dei propri animali.
Inserito da cannonau il 06-Set-2010 alle 11:09:22

Moderazioni espresse: 0
Camomilla e Adele furono ritrovate due giorni dopo a circa mezzo chilometro di distanza dalla fattoria. Il tutto si svolse in pochi istanti: una gigantesca onda arrivata da un torrente (il Calice) abbastanza distante, che si è incanalata per qualche chilometro fino ad arrivare al paddock delle asinelle. Se fossero state chiuse in stalla (attigua al grande recinto avevano a disposizione una bella stalla in muratura) si sarebbero salvate. La capretta ha trovato scampo montando sul tetto, cosa che non è stata possibile ad alcuni cani del vicino canile comunale, nonostante fosse custodito.
Il caso ha voluto che era la notte di Natale e la persona che avrebbe dovuto vigilare era a casa propria (non lontano). Sicuramente avrebbe rischiato la vita pure lui nel tentativo di uscire di casa.
Il problema fondamentale sta nel fatto che la Protezione Civile (che aveva i numeri telefonici dei responsabili della fattoria sociale), presa alla sprovvista dalla dinamica imprevedibile dell’alluvione, sbagliando valutazione, non abbia allarmato per tempo.
Raglia, tu che fai il trombone, non penso che metti una sentinella, magari armata, tutta la notte fuori dalla stalla. Non sia mai! ma una dinamica simile sarebbe stata fatale anche per i tuoi asini, mentre ronfavi al piano di sopra.
Sui male intenzionati, difficile prevenire. Se avessero davvero cattive intenzioni potrebbero far del male a chiunque e dovunque. Anche a te mentre ronfi, e magari, se davvero senza scrupoli, insidiare la tua illibatezza, nonostante la tua casa sia un arsenale.
Fermo restando che abbiamo il dovere di eliminare quante più possibilità di pericolo per i nostri animali, speculare su questi dolorosi avvenimenti non è affatto carino. Tanto meno se per questioni personali.
Inserito da ragliaconnoi il 06-Set-2010 alle 12:09:03

Moderazioni espresse: 0
Si continua con le offese e le ilazioni,caro Dottore non è da lei.
Lo sà che quando gli argini del torrente Samoggia sono "a rischio" la gente di Padulle non và a letto e nemmeno a messa?Sà dov'è il Samoggia? A due passi da casa mia che lei conosce bene,io a casa sua non ci sono mai stato,come si permette di parlare di "arsenale",si limiti al dialogo sugli asini e sui doveri dell'asinaro.
Si ricordi che l'alluvione non è un fulmine e i segnali di imminente pericolo,cioè l'innalzamento dei livelli di guardia e le frequenti piogge sono un avvertimento da non sottovalutare,provi a parlare con chi abita in golena tra gli argini del PO.
Arrivederci Dottore e grazie a Raglio.com che mi dà la possibilità di replicare alle sue "battute" sull'effetto barca e le scoreggie che tengono l'asino a galla.Le consiglio di non dire queste eresie ai suoi congressi o covegni.
Se vuoi scrivere un commento sul blog devi prima fare l'autenticazione Iscriviti al sito se non l'hai ancora fatto. Clicca qui
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker