Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Aprile 2021 >>
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Marzo 2021
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

Micci aristocratici
cannonau il 07-Giu-2010 in Generica
Quella giovane asina, unica nera in mezzo ai meravigliosi amiatini, si distingueva per l’aspetto regale: sangue blu come la sua proprietaria, la principessa Caracciolo e non so quanti altri cognomi. Il mio amico Giannozzo Pucci, il più povero dell’aristocrazia italiana, mi chiese di portargli Pece (così si chiama) a casa sua, in quanto, per via di quel colore, non degna di presenziare nel gruppo dei migliori Micci amiatini che si possano ammirare in Italia, una specie di Calimero al femminile.
Fu un rodeo, combattuto da Pece sulle zampe posteriori mentre le anteriori le roteava sulla mia testa. Una regina fiera e selvaggia!
Riuscii a portarla alla nuova casa, a Fiesole, dove venne raggiunta da Paride, uno splendore di giovane stallone amiatino, vicino di casa. Sono passati alcuni mesi, i due, accuditi da un ruvido aiutante rumeno, si sono fatti due asinoni di quasi quattro quintali, e sono rimasti selvaggi.
Giannozzo, saputo che ho riportato alla ragione Zerlina, altra bellissima, irruenta e maleducata amiatina, mi chiama e mi chiede di provare lo stesso trattamento anche con i suoi indomabili giganti.
Nel caricarli sul van , ho rivissuto il rodeo di quest’inverno in quel di Grosseto, questa volta in stereo, con la differenza di venticinque gradi in più e cinque litri di sudore in meno.
Dentro il forno del van, a porte chiuse, parlo per mezzora con i due riottosi giganti. Qualche chicca (rifiutata), qualche coccola, ma l’occhio resta strabuzzato verso il basso. Faccio gli scongiuri, se volessero, questi due bestioni sarebbero capaci di aprire il van come una scatola da imballaggio.
Si parte, con i pensieri circolari sul possibile guaio in cui mi sto cacciando.
All’arrivo in asineria, tutto cambia. Qualcosa è successo. Intuisco che , di fronte al nuovo ambiente, orfani della casa abituale, e del rumeno ruvido, i due cominciano a fare buon viso a “cattiva sorte”, predisponendosi quantomeno a capire se la situazione va migliorando. Calati dal van, li lego agli anelli al sole, per asciugare il sudore da caldo e tensione. La reazione alle carezze è sempre più blanda, fino a quasi manifestare un impercettibile piacere. Comunque l’occhio si è rilassato. Qualche carota (questa volta accettata) ed infine in stalla matrimoniale. Me li guardo a lungo, estasiato. La loro bellezza è fatta di armonia, possenza, eleganza, proporzione, forza e dolcezza. Sono motivato, sento che ce la posso fare. Domani si comincia, il maneggio ci aspetta.
Intanto la terribile Zerlina tira il calesse per la prima volta, e lo fa molto bene!

Commenti

In questo momento ci sono 13 commenti
Inserito da elcholo il 07-Giu-2010 alle 21:06:56
E adesso muoio dalla voglia di vedere i giganti e Zerlina che tira il calesse.
Bel blog!

Inserito da rasti il 08-Giu-2010 alle 00:06:14

Moderazioni espresse: 0
;-) sembra una favola!
be' penso che sia bello avere questa responsabilita'
ciao
Inserito da gaietta il 08-Giu-2010 alle 14:06:26

Moderazioni espresse: 0
inizialmente non capivo se era un racconto o realtà..complimenti molto bello..ed auguri con i 2 bestioni :-)
Inserito da Mora il 08-Giu-2010 alle 21:06:05

Moderazioni espresse: 0
bella storia, complimenti! mi interesserebbe in quanto tempo li hai addestrato!
Inserito da cannonau il 08-Giu-2010 alle 22:06:07

Moderazioni espresse: 0
Evvabè, allora farò una cronaca in tempo reale:
secondo giorno.
chiedo alla mia compagna di darmi una mano, non se la sente, ma non mi dice di no. Io prendo Paride, lei Pece, la più timorosa e gregaria. La longhina di Pece è lunga, il braccio teso, la distanza è massima, ed anche la paura. “Ragazzi, se troviamo uno stato di tranquillità noi, lo trovano anche gli asini!”…è difficile, ma ci proviamo. La longhina si fa più corta.
Entriamo in maneggio. Un po’ di esercizi di relazione, lo jo jo games di Parelli. Paride è collaborativo, Pece un po’ meno. I due si cercano. Un po’ di ostacoli a terra, qualche bidone. Sulla sabbia proviamo gli stop, l’andatura al passo, la sensibilità alla cavezza (con le catenelle, non si sa mai). Se Paride risponde abbastanza bene, Pece si impunta e tira indietro. Capisco che è meglio provare senza catenella, e così è. Paride passa, gira e salta gli ostacoli a terra, Pece trova coraggio da lui che passa, e da me che le alzo il suo piede per farla passare. Trenta minuti, e sembriamo in un’altra vita. Nel mezzo del tutto parole sussurrate e carezze all’ingrosso. Paride mi sembra veramente a suo agio, azzardo: premo sulla sua schiena, nessuna reazione. Lina si mette a “sacco”, lui accetta. Sale sulla sua groppa, lui accetta. Facciamo qualche giro, come se lo avesse sempre fatto! In tutto Pece era al suo fianco. Una buona mezzora finale la passo a farli pascolare l’erba di primavera, tenendoli alla longhina. E’ ora di rientrare, per oggi basta così. Li riporto da solo, incredulo: solo il giorno prima eravamo in quattro, per ognuno, a muoverli.
Inserito da cacaone il 08-Giu-2010 alle 23:06:40

Moderazioni espresse: 0
senti cannonau sei forte.
ha detto bene mora, bella storia.
mi sembrava di esssere li'.
un vero piacere leggerti.
ciao.
Inserito da cannonau il 10-Giu-2010 alle 10:06:05

Moderazioni espresse: 0
La “squola” degli asini.
Terzo giorno.
Momento di alleggerimento. Chicche, coccole e cacche da spalare. Oggi solo passeggiatina alla longhina. Sono loro che portano me in giro, li lascio brucare tutte le piantine che gradiscono, io li seguo e sto li. Infine li assicuro ad un albero all’ombra, e li lascio li per un tempo ragionevolmente lungo. Così facciamo “cricca” ed imparano a “familiarizzare” con la corda che li guida.

Quarto giorno.
Umido tropicale, mosche, zanzare e polline innervosiscono sia me, sia gli asinoni, ma la nostra seduta di addestramento non è rinviabile. Oggi proviamo le redini lunge.
I due sono troppo dipendenti l’uno dall’altro, per il momento la cosa mi fa gioco, ma presto mi dovrò inventare qualcosa per interrompere questo cordone ombellicare.
Come al solito, Paride fa presto a capire che voglio condurlo da dietro: smette subito di rigirarsi verso me, pensando di seguirmi. Ha una buonissima sensibilità alla redine. Destra e sinistra ed anche stop non sono un problema. Il posteriore è abbastanza rilassato. Incitato va al trotto e smette al comando. Gran brindellone collaborativo! voglio provare la frusta lunga , messa da un lato o dall’altro, senza toccare o appoggiando appena. E’ un casino! La montagna di muscoli si piega in due, la coda scompare tra le cosce possenti, parte al galoppo accennando una coppiola. Butto via la frusta. Evidentemente questo asinone ne ha buscate in passato, ora solo la dolcezza lo tranquillizza.
E’ la volta di Pece. Lei ci mette molto di più a stare davanti a me, sistematicamente si gira e mi si presenta di muso (è molto gragaria). Uso Paride davanti per fare strada e lei comincia a capire il comando da dietro. Ci vuole un po’ ma alla fine ci mettiamo in linea. La mando al trotto: è uno spettacolo! Un’eleganza impensabile per un’asina. Vorrei continuare, ora che mi sto divertendo, ma non bisogna insistere per non sdegnarli.

Inserito da elcholo il 10-Giu-2010 alle 18:06:17
Questi commenti , oltre a sottolineare la bontà del blog , condiscono il tutto con piccole perline di addestramento.
Inserito da rasti il 16-Giu-2010 alle 23:06:53

Moderazioni espresse: 0
toc toc... e poi???
Inserito da cannonau il 21-Giu-2010 alle 08:06:33

Moderazioni espresse: 0
Pausa forzata: febbre, bronchite e chi sa se altro per il sottoscritto. Comunque sia, non sono mancate altre due giornate di “squola” asinina con i nostri amici.
Quinto giorno.
In stalla si dimostrano sempre più socievoli, mi aspettano manifestando impazienza, si fanno vestire e lustrare con molta tranquillità, seguono alla lunghina, insieme, ordinati e tranquilli. E’ il momento di affrontare imprevisti e rumori sconosciuti in campo aperto. Giriamo alla ricerca di ciò che normalmente fuggiamo (motori a scoppio, trattori e trebbiatrici allo sfalcio, motocross e quant’altro di spaventevole). Cerchiamo un ruscelletto, ed infine ci dirigiamo al campo dove gli altri asini se la godono. Pronto a prevenire ogni reazione, consapevole del divario incolmabile tra la mia forza fisica e la loro, li sollecito alla calma parlandogli e con decisi ma controllati strattoni verso il basso, appena in lontananza si sente arrivare il “mostro”. La camminata è gestibile, seppur faticosa. Al passaggio ravvicinato, punto i due di “tre quarti” al nemico e li tengo ben saldi e fermi ad osservare. Un po’ di nervosismo, qualche balletto, ma il pericolo è scampato. Un premio, di “rinforzo positivo” (carotina) e ripartiamo. Mi frega solo l’imprevisto, quello vero: per una serie di casualità, al nostro silenzioso passaggio in solitudine, per una stradella affiancata da alti cespugli, inaspettato il rumore, appena dietro di qualche metro, aspro e forte, di un qualcosa che striscia nel fondo di lamiera di un rimorchio. Paride fa uno scarto deciso, Pece con lui, in un attimo ci ritroviamo rivolti in senso contrario alla marcia, penso, in questo gesto, di aver perso il contatto col suolo. Fortuna che in questa torsione ho potuto mantenere la presa e ruotare la testa all’asino. Se fosse partito in avanti, son avrei avuto scampo dalla figuraccia! Invece, il panico si è risolto in quello scarto. Orecchie dritte a capire, presa forte alla cavezza verso il basso, parole rassicuranti. Stiamo li a prendere fiducia, e smaltire l’adrenalina, fermi.
Arrivati al campo degli asini, non li faccio entrare (il testosterone è un mostro subdolo e invincibile per Paride). Li assicuro ai pini appena fuori la recinzione. In lontananza sentono e vedono i loro simili. Sotto i piedi, l’erba fresca. Sono tranquilli, posso aprire e dare l’acqua al resto della truppa. Tre, quattro minuti e torno a sincerarmi che i due siano tranquilli. Rischio l’infarto: Pece incaprettata con la corda che passa sotto le cosce e le gira il collo all’indietro. Un attimo, ed il nodo è sciolto. Un nodo malfatto avrebbe potuto non evitare un danno irreparabile. Ci ho messo un po’ a impararli questi nodi, mi rendo conto che sono fondamentali in tante circostanze.
Sesto giorno.
Si affina in maneggio la conduzione a briglie lunghe, cercando la leggerezza della mano e la migliore intesa. Molte svolte per ammorbidire il collo, passaggi obbligati di vario tipo. Attacchiamo la slitta con le tirelle ed il pettorale. Bene Pece, meno Paride. Le solite paure da dietro. Immagino che sia stato spesso “invogliato” a camminare con l’uso del bastone.
Infine, liberi in maneggio insieme a me che, senza guardarli diretti, li invito, con un gioco di posizioni, a spostarsi in direzioni volute, poi sono loro che mi cercano e vengono verso me. Un gioco che dura un po’, fino a quando dimostrano di divertirsi. Chiudiamo con la solita mezzora al pascolo tenuti alla lunghina.
Inserito da natur284 il 22-Giu-2010 alle 11:06:50

Moderazioni espresse: 0
"Paride fa uno scarto deciso, Pece con lui, in un attimo ci ritroviamo rivolti in senso contrario alla marcia, penso, in questo gesto, di aver perso il contatto col suolo."
Anche a me è capitato in uscita con due Asine.Si innervosivano a vicenda finchè partite mi hanno trascinato a mo di sci nautico per una decina di metri fintanto che ho dovuto mollare per recuperarle a 500 metri di distanza senza contare il pericolo che creano , per se stessi e per gli altri due ASini al galoppo con lunghina al capo.
Non esistono nodi SICURI e FACILI da sciogliere nello stesso tempo ,specilmente se in tensione e /o cazzati.E' doveroso ,tra lunghina e capezza, inserire un moschettone di sicurezza che si apre facilmente anche se in tensione.
Inserito da martina il 13-Lug-2010 alle 23:07:42

Moderazioni espresse: 0
aritoc toc... e poi???

; )
Inserito da cannonau il 14-Lug-2010 alle 10:07:41

Moderazioni espresse: 0
be, ne verrebbe fuori un lungo diario! ovviamente i tempi di apprendimento in queste fasi successive sono rallentati rispetto a quelle iniziali. Comunque, sintetizzando: abbiamo provato il traino con la slitta in maneggio e la guida a redini lunghe da dietro, con un secondo conduttore alla capezza. La coperta ed il basto con la "stretta" del sottopancia. I movimenti ed i rumori improvvisi davanti e dietro (braccia ed oggetti che si alzano improvvisamente, rumori inaspettati....). Abbiamo anche sperimentato la vicinanza ed il controllo dello stallone con le asine, compresa un'asinella in calore (comportamento gestibile!) con premio finale (immaginabile quale!). La cosa che abbiamo curato di più è stata la relazione e la fiducia, tanto che Pece, originariamente la più diffidente, ora gira sola senza lunghina al seguito di Paride condotto a mano. Inoltre quando il maschio è alla corda al pascolo, lei, pian piano, si allontana e comincia ad avvicinare altri asini, allentando la totale dipendenza dal compagno. E' sorprendente come sia diventata una tenerona sempre alla ricerca di contatto. Da questo momento tutto sarà più facile e naturale per quanto riguarda l'apprendimento "tecnico". Manca solo l'esperienza nei centri abitati e nel traffico, anche se si spera che frequenteranno il meno possibile l'urbe.
Per la conduzione a sella sono ancora troppo giovani anche se arrivano già a 1,40 al garrese e la struttura è possente (Paride 3 anni, Pece quasi 2)pertanto non mi sento tranquillo a mettergli su un ragazzo leggero. Ci sarà tempo anche per questo. Tutte queste attività non necessariamente devono essere praticate in futuro dai due asinoni, ma sono servite principalmente a plasmare il comportamento di due bestioni inselvatichiti che, altrimenti, avrebbero potuto generare seri problemi di gestione.
Se vuoi scrivere un commento sul blog devi prima fare l'autenticazione Iscriviti al sito se non l'hai ancora fatto. Clicca qui
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker