Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Agosto 2022 >>
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Marzo 2021
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

S. Antonio
Bigio il 02-Feb-2010 in Generica
Nel paese, tra quelli che conosco, tutti mi avevano parlato di questa festa. Una festa che trova uno dei momenti clou nell'"asta della legna".
"Oh, mi raccomando, non puoi mancare! Vieni con l'asina...". E decido di andare con l'asina. Avevo anzitutto voglia di rispondere all'invito rivoltomi con tanto entusiasmo, e poi, mi sentivo inorgoglito di far partecipare Mora ad un evento ancora tanto sentito dalla gente del posto. L'asina c'è, tutti lo sanno (chi "per sentito dire", chi "per sentito ragliare"...) e -penso io- è giunta l'ora delle presentazioni ufficiali. Quale migliore occasione?!?
L'"asta della legna" si svolge nella piazza principale del paese. Chi vuole porta il suo carico di legna che verrà battuto all'asta, la legna verrà aggiudicata al migliore offerente mentre il ricavato verrà devoluto in beneficenza.
Decido di partecipare e, con l'aiuto di un amico che mi ha voluto regalare la legna da mettere all'asta, ci organizziamo per far sì che tutto vada per il meglio.
Io e Mora, che ha già il basto in groppa, partiamo dopo una rapida strigliatura alla volta della casa del mio amico. Siamo usciti tante volte in passeggiata ma mai su strada dove nell'occasione mi è sembrata particolarmente disciplinata. Non una volta si è fermata per strappare un ciuffo d'erba, cosa che fa spesso e volentieri. Le poche macchine che incrociamo lungo il percorso rallentano. Dall'interno voltano lo sguardo verso di noi, sorridono e salutano: un asino sulla provinciale è una presenza inconsueta da queste parti. Pian piano che ci avviciniamo al paese sale l'emozione. So già che saremo al centro dell'attenzione. Incontriamo poca gente lungo il cammino; anche qui, al nostro passaggio, tanti sorrisi e tanti saluti. Pochi restano indifferenti. Arrivati dal mio amico (che è pure un grande amico della mia asinona), lascio Mora pascolare in un recinto giusto il tempo di pranzare. Poi controllo che il basto sia ben messo e comincio a caricarla facendo attenzione a bilanciare bene il peso. Il cielo, coperto durante la mattinata, si è nel frattempo aperto e la pioggia fortunatamente è scongiurata. Una preoccupazione in meno. E' ora di andare; ci incamminiamo verso la piazzetta e non appena ci scorgono da lontano veniamo accolti dall'entusiasmo generale. Ci sono già la banda musicale schierata ed "i carri" agghindati a festa (in realtà i carri, una volta trainati dai buoi, al pari degli asini sono stati soppiantati dai trattori). Per cominciare manca solo il parroco. Con l'asina mi posiziono davanti a tutti, in "apertura": subito dopo di noi, in ordine, la banda, i carri ed i compaesani in corteo. In attesa che arrivi il parroco tranquillizzo Mora che non è abituata ad avere così tanta gente intorno: i 'rumori' della festa, la musica, il vociare e le carezze di così tanti bambini ed 'ex bambini' tutte in una volta, per lei sono una novità. Le accarezzo il muso e le parlo a voce bassa. Lei sembra dirmi: "Io in mezzo a 'sta baldoria non ho ben capito cosa ci stiamo a fare...Mica sarà la mia festa?!? Bah, vediamo un po' cosa succede...e mi raccomando!, non ti allontanare eh...".

Finalmente arriva il parroco, la banda comincia a suonare ed inizia la cerimonia. Noi davanti a tutti, con Mora che si muove con disinvoltura, come se già conoscesse percorso e destinazione. Anche qui nessuna impuntatura da parte sua. Brava Mora! penso orgoglioso tra me e me. Arrivati in piazzetta ci defiliamo da un lato e facciamo posizionare tutti i "carri". Poi, dopo esserci parcheggiati tra due rimorchi carichi di legna, subito dopo la benedizione e le orazioni comincia l'asta. Noi siamo ovviamente i primi ad andare all'incanto: la legna, sulla schiena, pesa; sui rimorchi, no. Detto, fatto. Legna aggiudicata ed immediate manovre di disimpegno della piazza per guadagnare l'uscita. Dietrofront, manovra un po' macchinosa ma ben riuscita per ricavarsi un pertugio tra gente festante, trattori e musicisti. Mi apparto poco distante, scarico il basto e mi intrattengo qualche minuto con Mora che si mette in posa per le foto di rito. Ahhh, che bello!, è filato tutto liscio come l'olio. Sei stata proprio brava, Mora!
Lasciata alle spalle la piazza, una signora mi offre un bicchiere di vino e dei dolcetti; i dolcetti ce li portiamo via, il vino lo bevo lì per lì e riprendiamo la strada di casa. Sarà una bella passeggiata sotto il cielo azzurro e limpido, con tanti bei pensieri e tanto silenzio attorno: i passi di Mora ed i rintocchi del suo campanaccio sono l'unica cosa che sento.

Commenti

In questo momento ci sono 12 commenti
Inserito da platero il 02-Feb-2010 alle 15:02:52

Moderazioni espresse: 0
ciao Bigio, grazie per aver condiviso con noi la vostra eccitante esperienza. Io credo che Mora sia stata particolarmente buona perchè "sentiva" davvero l'interesse che aleggiava nell'aria, interesse rivolto a lei, e ne andasse fiera e felice. Anche Pepito quando percorriamo il viale cittadino mi sembra sempre che cammini particolarmente impettito e a testa alta. E credo anche che sia fiero di camminare al mio fianco: mi esibisce come un fidanzato con la sua bella. (ma questa è solo un'impressione). Che bella la vostra festa di Sant'Antonio!
Inserito da pantagruele il 02-Feb-2010 alle 17:02:27

Moderazioni espresse: 0
non sentirti solo, anche da queste parti di asini sulla provinciale ne girano pochi:)

Brava Moram io non so se me la sentirei di portare Agnese a una una festa paesana, folla, rumori, visto mai che le parta un calcio...
e come l'abituo gradualmente? Forse dovrei fare come Platero, cominciare con un giro al caffè, poi a prendere il pane, poi una passeggiata davanti alla scuola...
Inserito da vale il 02-Feb-2010 alle 18:02:13

Moderazioni espresse: 0
"i passi di Mora ed i rintocchi del suo campanaccio sono l'unica cosa che sento."

bello!

bella immagine a conclusione di una bella giornata.
Inserito da ragliaconnoi il 02-Feb-2010 alle 18:02:20

Moderazioni espresse: 0
Bravoooooooo!!!!! Così si fà...avanti con gli asini !!!
Inserito da Mora il 02-Feb-2010 alle 19:02:04

Moderazioni espresse: 0
bellissima storia - mi sembra proprio che la tua Mora sia una rinascita della mia Mora - anche lei era cosi brava, non si spaventava di quasi nulla....
Inserito da cacaone il 02-Feb-2010 alle 19:02:43

Moderazioni espresse: 0
x panta
giusto per parlare di calci ecc, lolita non scherza, ma quando la porto in mezzo alla gente si mette tranquilla, è come se fosse in soggezione.
alla festa di santa lucia, in dicembre, è rimasta ben 3 ore in mezzo ai bambini urlanti, in mezzo alla musica assordante, tutti la volevano accarezzare ,i genitori che venivano in continuazione a chiedere caramelle per i loro bimbi insomma non un momento di tregua.
eppure lolita non ha fatto una piega per tutto il tempo.
sono convinto che si senta a disagio e per questo stia tranquilla.
e ti assicuro che ha un caratterino..
quindi dai provaci con la tua agnese.

ciao

Inserito da cacaone il 02-Feb-2010 alle 19:02:06

Moderazioni espresse: 0
x bigio

complimenti per il magnifico blog
Inserito da max il 02-Feb-2010 alle 20:02:20

Moderazioni espresse: 0
CREDO CHE PROPRIO QUESTO SIA IL SENSO DI QUESTI ANIMALI: QUANDO HO MOLTI OSPITI (ANCHE BAMBINI CHE VOGLIONO MONTARE SU PUCCIOTTO, AMICI, PARENTI, ECC.)SEMBRA CHE PARTECIPINO ATUTTO E FACCIANO DI TUTTO PER ESSERE AL CENTRO DELL'ATTENZIONE (RICORDO UNA VOLTA CHE PARLAVO CON UNA PERSONA A BREVE DISTANZA E, PIANO PIANO, PUCCIOTTO SI è INSERITO TRA NOI DUE, BADANDO BENE DI TROVARE UN CONTATTO COL MIO CORPO ED E' STATO LI' PER LUNGO TEMPO. NON HO ANCORA AVUTO IL CORAGGIO DI USCIRE PER STRADA CON GLI ASINI (IN CAMPAGNA, NEI CAMPI E NEL BOSCO, SI') MA VORREI TENTARE, A BREVE. HO CAPITO CHE LE EMOZIONI SONO FORTI E, PRATOLINIANAMENTE PERCHE' SI VOGLIONO CONDIVIDERE SOLO A POSTERIORI. dAVVERO UN BEL RACCONTO.
Inserito da rasti il 02-Feb-2010 alle 21:02:17

Moderazioni espresse: 0
grande Bigio che dirti di piu'....
Bigio le fotooo una almeno una!!!
Inserito da elcholo il 02-Feb-2010 alle 21:02:01
Questo è un blog , questo è lo spirito di Raglio.com.
Bigio hai fatto centro!
Inserito da Bigio il 02-Feb-2010 alle 23:02:39

Moderazioni espresse: 0
xPlatero
La tua impressione è la stessa che ho avuto io. E un'altra sensazione è stata quella che si fidasse di me. Sempre al mio fianco fiduciosa che non le sarebbe potuto accadere niente di brutto.
Questa è la cosa che più mi è piaciuta: a casa si gioca, si scherza e ci stanno pure i 'capricci'; fuori no, nessuna intemperanza.

xPantagruele
Bene, vuol dire che non sono solo e che sto in buona compagnia;)...
La tua paura è la stessa che ho avuto io. Direi che un giro al caffè, una tappa dal fornaio ed una passeggiata davanti alla scuola siano un ottimo inizio.

xRaglia
La mia partecipazione con l'asina alla festa, al di là dei tanti altri aspetti, ha avuto un po' questo significato: noi ci siamo e non ci nascondiamo!

xMora
Devo riconoscere che la mia asina, come la tua Mora, non si dimostra particolarmente paurosa, anche se non sono sempre 'rose e fiori'...
La differenza è che tu sei un'asinara esperta, io ancora poco più che un asinaro apprendista...

xMax
Ti auguro di uscire in strada con i tuoi asini il prima possibile perchè hai colto nel segno: "le emozioni sono forti".

xRasti
La foto arriverà, almeno una.;)

xVale, Cacaone, Elcholo
Grazie per i vostri commenti.
Grazie amici asinari
Inserito da burro60 il 03-Feb-2010 alle 19:02:34

Moderazioni espresse: 0
Bel racconto Bigio. Gli asini, secondo me, vogliono e devono stare con noi, con la gente. Vogliono sentirsi vivi, partecipare e collaborare con noi.

"Le accarezzo il muso e le parlo a voce bassa.
"Lei sembra dirmi: "Io in mezzo a 'sta baldoria non ho ben capito cosa ci stiamo a fare...Mica sarà la mia festa?!? Bah, vediamo un po' cosa succede...e mi raccomando!, non ti allontanare eh...".

E un'altra sensazione è stata quella che si fidasse di me. Sempre al mio fianco fiduciosa che non le sarebbe potuto accadere niente di brutto."
I conti tornano Bigio :-)

Ciao
Se vuoi scrivere un commento sul blog devi prima fare l'autenticazione Iscriviti al sito se non l'hai ancora fatto. Clicca qui
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker