Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Maggio 2022 >>
L M M G V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Marzo 2021
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

Vinse il più intelligente
Guia il 29-Set-2009 in Generica
Vinse il più intelligente

Un uomo che si chiamava Diego Moor ed era testardo come un mulo, si sposò e perdette subito la moglie per via delle pipe di gesso del tiro a segno.
Infatti partirono i due sposini per fare il viaggio di nozze e, arrivati a Santabar, trovarono davanti alla stazione una baracca del tiro a segno con le carabine pneumatiche.
«Ora ti faccio vedere, Isabel: seicolpi, sei pipe.»
Così disse Diego e cominciò a sparare, ma le pipe sembravano maledette e non venivano giù.
Dopo sessanta colpi Isabel toccò il braccio di Diego e lo pregò di smettere perché si faceva tardi e dovevano ancora fissare la camera nell’albergo.
«Ancora sei colpi soltanto» rispose Diego, e sparò fino a quando la ragazza del tiro a segno gli disse che era mezzanotte e che voleva chiudere la baracca.
«Pago quadruplo» rispose Diego, e quando spuntò l’alba stava ancora sparando. Allora vennero meno i pallini di piombo e Diego pagò, molto seccato perché le pipe stramaledette erano ancora tutte intatte.
«Andiamo Isabel» disse Diego, voltandosi. Ma Isabel non c’era più e non la vide mai più vita natural durante.
Questo Diego Moor , che era molto ricco, si mise a girare per il mondo, e un giorno capitò in una piazza della città di Solivia dove c’era gran gente radunata davanti a una birreria. Il padrone del locale regalava un barile di birra a chi fosse capace da reggersi per cinquanta metri a cavalcioni di un certo asino dalla faccia di mascalzone che aveva comprato a Piquir, la patria degli asini delinquenti.
Molti provarono perché un barile di birra fa sempre gola: saltavano sull’asino e dopo quattro o cinque metri erano già col muso per terra. Tutti ridevano e dicevano che era impossibile perché quello era un asino da guardia e di notte morsicava come un cane.
Diego Moor non viaggiava solo ma in compagnia di molti amici, e, rivoltosi alla combriccola, annunciò:
«Adesso vi faccio vedere io».
Allora tutti gli amici, che conoscevano bene Diego Moor, gli strinsero la mano, lo salutarono, e andarono per i fatti loro tranquillamente.
Diego Moor saltò sull’asino, e quello, con una grande sgroppata, lo appiccicò contro il muro.
«Figurati» esclamò Diego Moor quando si fu rialzato «manco se tu,asino, fossi un mulo e io, Diego Moor, fossi un asino!» E rimontò in groppa alla bestia, e di nuovo fu a terra.
Insistette fino a quando ebbe qualcosa che non fosse ammaccato, poi si fece portare a letto gridando all’asino:
«Domani ci rivedremo io e te!».
Diego Moor era un uomo di parola,e la mattina dopo stava ancora lottando con l’asino e continuò fino a mezzogiorno. Poi riprese il pomeriggio.
Disse il padrone della birreria:
«Ho una buona stanza e un cuoco straordinario: posso farvi pensione, seňor. Così siete più comodo».
Diego Moor prese alloggio nella birreria e passava le sue giornate a farsi scaraventare per terra dall’asino stramaledetto. Era diventato celebre nella città e nei dintorni, e la gente diceva che si trattava di un gran signore che aveva avuto un dispiacere in amore e che si era dato all’asino per dimenticare.
Passarono settimane e mesi, e l’asino scaraventava sempre per terra Diego Moor, però si notava un lento e graduale miglioramento nel cavalcatore: i primi tempi Diego Moor veniva schizzato via appena salito, ma di giorno in giorno riusciva a mantenersi in groppa sempre di più, e alla fine del primo anno Diego Moor piombava giù soltanto dopo dieci metri di percorso.
Alla fine del secondo anno Diego Moor raggiungeva i centimetri e, con un progresso di cinque metri ogni sei mesi, arrivò nel dicembre del quinto anno fino ai quarantanove metri.
L’asino oramai non ne poteva più: lottava ancora perché era un’animaccia nera, e Diego Moor annunciò solennemente nella sala della birreria:
«Per Natale avrò il mio barile di birra».
La mattina di Natale c’era gente così in piazza, e Diego Moor saltò in groppa all’asino, sicurodel fatto suo. L’asino lottò come un leone, ma Diego Moor sembrava incollato alle costole della bestia. Dieci, venti, trenta, quaranta metri; quarantacinque, quarantasette, quarantotto, quarantanove: ancora un metro per arrivare al pilone che segnava la fine del percorso. L’asino s’impuntò come un disperato, ma le ginocchia di Diego Moor gli spaccavano le costole e gli toglievano il fiato, e non si poteva star fermi.
Quarantanove e venti, quarantanove e quaranta, quarantanove e sessanta: l’asino aveva la bava alla bocca e gli occhi pieni di sangue.
«Quarantanove e ottanta!» grida la gente.
L’asino si sfasciò come se gli si fossero slegate le ossa, e Diego Moor andò a spaccarsi la testa sulla terra ghiacciata.
Secchi tutt’e due: Diego Moor e l’asino vincitore.
«Povera bestia» disse la gente.


da “lo Zibaldino” di Giovannino Guareschi

Commenti

In questo momento ci sono 3 commenti
Inserito da Rozzu il 29-Set-2009 alle 22:09:22

Moderazioni espresse: 0
Povero asinello, però giusto nel paese di Piquir ci possono essere animali delinquenti, in realtà l'unico animale delinquente è quello col pollice opponibile...
Inserito da natur284 il 30-Set-2009 alle 06:09:34

Moderazioni espresse: 0
Una vittoria di..... Pirro.
Inserito da pimpinella il 30-Set-2009 alle 11:09:25

Moderazioni espresse: 0
certo che è proprio tosta questa!
Se vuoi scrivere un commento sul blog devi prima fare l'autenticazione Iscriviti al sito se non l'hai ancora fatto. Clicca qui
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker