Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Ottobre 2021 >>
L M M G V S D
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Marzo 2021
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

sulla panchina
platero il 18-Lug-2009 in Generica
al mare non vado, quest'anno. Nei momenti liberi, quando potrei prendere la bici e pedalare 6 km, su su, fino alla mia "lama" (piccolo bacino di acqua più calma) preferita del torrente, ove fare un bagno nella verde acqua e menta gelata e prendere il sole su un sasso rovente, rinuncio pensando a Pepito laggiù da solo... Invece di sandali e calzoncini infilo jeans e scarponi e corro da lui. Risultato: abbronzatura al 30%. Viso collo braccia: bruniti, il resto: avorio.Ma oggi no. Parto, attrezzata da turista da spiaggia, compreso panino, frutta e acqua, occhiali da sole, occhiali da vista e libro di Goffredo Parise(con adeguata fodera posticcia, perchè qualche muso curioso non lo sporchi - al Sillabario di Parise manca il racconto con la lettera "Z", ma intuisco che ZOZZO non suonerebbe bene...). Vado al terreno. Lì nell'arena erbosa (la chiamo arena solo per illudermi che un giorno verrà nuovamente recintata e potrò lasciarvi pascolare Pepito senza dover fare la guardia) c'è una panchina (quella che nelle foto invernali era stracarica di neve). Appoggio tutto, metto la capezza a Pepito prima di liberarlo al pascolo, e mi sistemo, quasi comoda, al sole. Pepito torna sui suoi passi, si avvicina e mi annusa in tutta la mia lunghezza, che non è molto lunga, fino ai capelli. Si accerta che quella lucertola albina sia davvero io e se ne va. Mi godo il caldo e il silenzio. Un silenzio fatto di rumori che non devo ascoltare, un sottofondo che posso ignorare o analizzare. Lo analizzo.Una serie di canti diversi di uccelli, di richiami e di audaci risposte: mi rammarico di non saperli riconoscere.La motosega: immagino chi la stia adoperando e quasi sento l’odore buono del legno tagliato a pezzi corti per la stufa.Un trattore, ma solo per pochi attimi (è quasi mezzogiorno).Il treno dell’una, che arriva e poi so che ripartirà (la stazione del vicino paese è capolinea).Un elicottero, istintivamente si spera sempre che non sia quello del 118, più stabile e con l’abitacolo ampio, più confortevole, ma solitamente utilizzato per viaggi di poco piacere.Il traffico sulla strada provinciale, che noi chiamiamo tutti “la superstrada” (hanno costruito così tante-troppe strade che abbiamo immaginato meritassero appellativi via via più importanti e superstrada- a differenza di zozzo- sembra adatto in questa gerarchia condivisa) è denso e continuo. Auto auto auto camion moto 4 tempi moto 2 tempi auto apecar auto auto moto ambulanza. A causa del voluminoso bagaglio da turista da spiaggia sono venuta giù in macchina. Mi chiedo come farò a immettermi nel nastro continuo di perle, grigie lucenti, tutte uguali e confido in un buco, una perla mancante della collana, ove potermi infilare. La giornata è bella, serena e limpida, l’aria lavata dal nubifragio di ieri, le montagne verdissime emanano frescura. Inoltre nel paese è in corso la festa annuale, che dura 10 giorni, con spettacoli, musica, mostre, golosità e, a volte, zanzare per tutti! Gente piedi e scarpe, su e giù per le nostre vie, dentro ai nostri cortili, sopra alle nostre scalinate. Di sera non si dorme, al mattino si raccolgono i resti della festa consumata, al pomeriggio ci si affretta, per portare a casa la spesa prima che la strada venga di nuovo chiusa per i banchetti e la festa. La cosa ormai un po’ mi disturba, lo spettacolo non mi sorprende più.Ma qui tutto ciò è lontano. Le auto passano oltre, dalla strada non si vede il campo verde ove Pepito pascola, ignaro degli interessi umani, e io sto ferma sdraiata al sole, immobile. Pensando. Poi mi siedo e mangio il panino. Pepito è lontano e non sente il rumore della carta che lo avvolge. Prendo il sacchetto con le prugne, solo cinque, e molto piccole. Chiamo Pepito. Più velocemente del solito arriva. Con lo sciame di moscerini. Gli dò una prugna, la mastica a lungo, poi … sputa il nocciolo! Non ci credo; rinuncio ad altra prugna e me la prende delicatamente dalla mano. Mastica un po’ e poi… sputa il nocciolo! Pepito sì, lui riesce ancora a sorprendermi.
Postato il : 19-07-2009 alle 12:47:16Complimenti per questo racconto favoloso , sei ruscita a trasmettermi le tue emozioni attraverso le descrizioni accuratamente elaborate..davvero bravissima!

Postato il : 19-07-2009 alle 21:57:30cara platero, che meraviglia, ogni giorno più ispirata.che bella sorpresa che siete, tu e pepito.tempo per fare e tempo per pensare...(non a caso nel tuo zaino c'è posto anche per G. Parise?)

Postato il : 19-07-2009 alle 22:22:14Ma la panchina non si può mettere dove c'è il passaggio a livello?Ho detto una ca..volata??

Postato il : 20-07-2009 alle 08:44:27per Gaietta: grazie per le lodi sulle mie capacità letterarie, ma farei scambio con la tua abilità nell'addestramento e con le tue conoscenze in campo equino!per Vale: ho una alimentazione variegata: cibo per lo stomaco (FONDAMENTALE!), cibo per il cuore e cibo per la mente. Pepito è al centro dei miei "appetiti" e sa saziare ognuno di essi!!!Per Raglia: potrebbe essere un'idea, ma durerebbe poco. L'erba sul ciglio non è molta e inoltre perderei il privilegio del "via dalla pazza folla"! (sebbene di treni ne passino pochi e siano spesso deserti)
Se vuoi scrivere un commento sul blog devi prima fare l'autenticazione Iscriviti al sito se non l'hai ancora fatto. Clicca qui
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker