Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di :
<< Ottobre 2020 >>
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Febbraio 2019
Gennaio 2019
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Giugno 2018
Novembre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

La mia esperienza con Marta
icaro il 25-Gen-2012 in Generica
Premessa: i muli che tutti i giorni trasportano la legna non hanno tanti grilli per la testa e arrivano a fine giornata stanchi morti; quelli che vengono usati solo a sella e solo saltuariamente, si comportano diversamente, cercano di rifiutare anche se ben addestrati e se uno non è un cavaliere esperto si può trovare in serie difficoltà.

Dopo piu' di 30 anni di cavallo volevo fare una nuova esperienza col mulo. Avendo preso gli asini mancava il mulo. L'occasione fu la fiera di verona: si conobbe un maestro di attacchi che ci disse di avere 2 mule che andavano a pariglia: Marta di 5 anni e Melissa di 4. Andammo a vederle e dopo pochi giorni si presero con noi al ranch. Il primo impatto non fu' bello perche' quando caricarono Marta usarono il forcone; l'altra, Melissa, monto' subito e dopo questo screzio Cri scelse per lei Melissa, anche perche' era un po' piu' bassa. La mattina successiva arrivai al ranch prima del previsto per l'emozione, presi la mula e entrai nel maneggio; la mula, appena sciolta, comincio' a correre per parecchio tempo. Quando si fermo' non si faceva prendere e non si avvicinava nemmeno con le carote .I giorni successivi la prendevo dal recinto e la portavo nel tondino per farla scaricare perche non stava ferma nemmeno per spazzolarla. Non vi dico per prenderle i piedi. Dopo averla fatta ambientare comincio' l'addestramento da terra: il lavoro da terra e' indispensabile se poi vuoi montare a sella, per creare un rapporto di fiducia e rispetto reciproco e fare capire chi è il leader. La prima volta che Cri ci montò sopra, mentre io la tenevo con la corda lunga, bastava che sentisse il minimo contatto con le gambe e partiva a scheggia; le prime volte bisognava quasi stare a gambe aperte. Dopo un po' di lezioni in maneggio con Cri, cominciai a montarla io ma per salire in sella per molto tempo dovevo farmi reggere la mula.Quando cominciò ad ubbidire decisi di uscire in passeggiata, per modo di dire perchè da noi ci sono mulattiere con strapiombi e boschi e solamente sul crinale si puo' galoppare. All' inizio sembrava che andasse tutto liscio; il bello doveva arrivare: i sui rifiuti erano impennate a candela o scartare improvvisamente entrando nel fitto del bosco. In quel periodo andavo insieme a Cri con Melissa e ai miei vecchi amici cavallai. Sono caduto diverse volte e capivo che era tutto differente dal cavallo a cui ero abituato. Telefonai al vecchio propietario per dirgli che la mula se la poteva riprendere indietro gratis. Lui mi disse di non mollare e io gli diedi retta, per fortuna;  anche per smentire i miei vecchi amici cavallai che dicevano che ero troppo vecchio per addestrare una mula pazza. La svolta avvene poco dopo: ero in passeggiata insieme a 2 cavalli quando improvvisamente Marta s'ipenno' a candela quasi da ribaltarsi; in quel momento mi venne d'istinto di scendere, poi mi dissi che se scendo non ci monto piu e mi venne un lampo: gli girai tutto il collo e fermai le guide al pomello della sella, gli detti due calcagnate e lei si mise a girare come una trottola; dopo alcuni minuti si fermò barcollando e fu la mano di Dio: smise di fare qualsiasi rifiuto e ora e' diventata anche una coccolona. Premetto che, anche se addestrata, non e' come il cavallo con cui a volte ci si rilassa; col mulo e' diverso, e' un amore-odio. I muli non sono tutti uguali come carattere: se la mamma e' una cavalla a sangue freddo il mulo e' piu' lento e tranquillo,  se e' a sangue caldo il mulo sarà più veloce e nevrile .Lo stress che aveva subito Marta in pariglia con Melissa era dato dal fatto che lei ha un passo molto piu veloce. Comunque andare in sella con i muli e' una grande soddisfazione dato che si può avventurarsi in luoghi impervi dove con i cavalli non si poteva andare neanche a piedi, e merita i sacrifici fatti. Un' altra cosa che volevo dire è che il tono della voce per loro e' piu' forte del bastone. Ho voluto raccontare la mia esperienza che spero aiuti chi vuole confrontarsi con i muli a sella.
Un saluto a tutti gli amici di raglio
Roby

Commenti

In questo momento ci sono 9 commenti
Inserito da Mora il 25-Gen-2012 alle 19:01:02

Moderazioni espresse: 0
ciao Roby, grazie per la tua storia! Concordo pienamente che un buon addestramento da terra sia indispensabile se poi si vuole montare! Mi è piaciuta molto la tua Marta quando stavamo da voi - mi ha fatto capire un po la differenza fra muli e asini. Quando lavoravo un po con lei a terra capivo l'importanza di un lavoro serio e deciso per un mulo -la mia relazione con Marta si sviluppava lavorandola, non coccolandola. Con questo non voglio dire che non si puo coccolare un mulo, ma che per lui forse è piu importante il lavoro. Con l'asino invece non è cosi - se non si lavora con un asino, non ubbidisce - ma la relazione con l'uomo puo esistere nonostante questo.
Inserito da saverin81 il 26-Gen-2012 alle 11:01:49

Moderazioni espresse: 0
... ti sei "dimenticato" di raccontare l'avventura della discesa nel canalone!!! Be crazy ... ride a mule! =)
Meravigliosi voi e maestose le mule ... Un abbraccio
Inserito da Ilas il 26-Gen-2012 alle 12:01:42

Moderazioni espresse: 0
Bella storia, concordo!
Ciao sono Ilaria, una neofita che vorrebbe "addestrare" al meglio la muletta Toffee. Per adesso la vado a trovare un paio di volte la settimana al maneggio dove l'ho comprata per darle una vita migliore.... .-(( Da marzo spero di portarla in un altro posto, vicino casa, e quindi avere più tempo da dedicarle. Già ci riconosce ed esce volentieri dal box dove vive da quando è nata (2anni e mezzo) la portiamo a passeggiare, a mangiare erba e quando possibile, la lasciamo sfogare nel paddock. Corre si rigira per terra, sgroppa, scalcia ed è felice. Poi la chiamiamo a turno e quando lei si avvicina le diamo un pezzetto di carota. E poi?? Mi potete dare delle dritte? Abbiamo tanto amore e voglia di volontà ma siamo proprio digiuni. Grazie di cuore
Inserito da claudio il 26-Gen-2012 alle 18:01:21

Moderazioni espresse: 0
Come al solito grand bel racconto, molto interessante,siete dei miti...Mi dispiace molto di non essere potuto venire al raduno ma prima o poi....
Inserito da icaro il 26-Gen-2012 alle 18:01:56

Moderazioni espresse: 0
Ciao Ilaria siamo molto vicini, puoi venire a trovarci
Inserito da heidiepeter il 27-Gen-2012 alle 18:01:40

Moderazioni espresse: 0
Una lettura piacevole, interessante e didattica.
Bravi voi Margheritari
Inserito da Nerone il 07-Feb-2012 alle 13:02:50

Moderazioni espresse: 0
Sembrano piu o meno gli stessi problemi che ho con Nerone... anche se lui pero' non fa' sempre cosi', a volte e' molto tranquillo e docile, altre volte no... il problema e' che non c'e' modo di capire il suo umore prima di essere gia a meta' strada e trovarsi nei guai...
ci sono posti dove devo evitare di passare, tipo il sentiero accanto al campo sportivo, perche' se vede i giocatori va' completamente nel panico e diventa incontrollabile... per un po' ho avuto pazienza (anche perche' a volte va molto bene) poi e' successo che si e' impennato a candela per un rifiuto, avevo la bardella maremmana e chi conosce questa sella sa' bene che e' la cosa peggiore da avere sotto durante un'impennata... per miracolo sono scivolato fuori dalla sella all'indietro e caduto in piedi, altrimenti me lo tiravo addosso...

E' stato a questo punto che ho deciso di venderlo... poi ci ho ripensato, perche' ci sono troppo affezionato nonostante tutto... ma penso che d'ora in poi lo montero' poco o niente e se sara' possibile lo mando al pascolo brado da un mio amico... per le mie passeggiate e trekking mi sono preso una cavalla avelignese bravissima che tengo in maneggio (a casa se non mando Nerone al pascolo non ho posto)

Il mio consiglio, per chi vuole un'animale per fare cavalcate tranquille e rilassanti, e' di prendere un buon cavallo... i muli meglio lasciarli ai mulattieri...

Devo anche sfatare il mito del mulo resistente che ti porta ovunque...
La cavalla avelignese che ho preso, e che avevo gia' usato in passato per fare trekking, e' veramente molto forte, con 120kg sulla schiena tra me, la sella, i bagagli ecc. mi ha portato fino a 1000 metri di quota affrontando le salite in mezzo ai boschi come fosse un trattore...
Nerone invece in un'analogo trekking che ci avevo fatto ancor prima di arrivare in quota era gia' esausto e camminava che sembrava una vecchietta, e mi ha fatto rimanere indietro rispetto agli altri cavalli (che facevano solo passo) alla fine siamo arrivati 3 ore in ritardo...
Inserito da Spirit il 10-Feb-2012 alle 14:02:24

Moderazioni espresse: 0
grazie per il blog, icaro, per le esperienze che ci racconti, Nerone, per il documento "della storia del mulo in sicilia" che hai condiviso con noi, vale, ... sinceramente non credevo che i muli fossero così. E' un prezioso insegnamento e ne terremo conto quando, in un lontano ma non troppo futuro, valuteremo se fare accoppiare Pioggia (tpr) e Alonso (romagnolo) oppure no... per lo meno adesso ho materiale su cui riflettere ed essere almeno preparato prima di una decisione del genere
Inserito da cacaone il 27-Feb-2012 alle 19:02:29

Moderazioni espresse: 0
mi è piaciuto roby,ciao


ps : meglio tardi che mai
Se vuoi scrivere un commento sul blog devi prima fare l'autenticazione Iscriviti al sito se non l'hai ancora fatto. Clicca qui
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker