Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di : Hope
<< Giugno 2019 >>
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Febbraio 2019
Marzo 2014
Agosto 2012
Novembre 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Aprile 2010
Maggio 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Maggio 2008

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

Ritorno
Commenti : 6
Hope il 01-Feb-2019 in Generica
Ci siamo lasciati 5 anni fa, dopo la morte improvvisa e inaspettata di Hope (quadrupede). Stasera mi riaffaccio tra le pagine di questa community con un po' di nostalgia e trepidazione. Domani si apre un nuovo capitolo con l'arrivo di Fragoletta (il nome non mi piace, ma tant'é) una giovane mula che rappresenta simbolicamente il primo atto di unì'avventura più grande e complessa che dovrebbe prendere il via nei prossimi mesi.
Fragoletta arriva come una sfida. Ci sarà la neve ad attenderla, e un sacco di domande sul futuro. ma ci sarà anche l'entusiasmo dei bimbi e la determinazione di due papà di famiglia pronti a salpare l'ancora delle proprie stantie certezze per spiegare le vele alla forza dei propri sogni.
Torno su queste pagine con la consapevolezza che molti se ne sono andati e molti volti nuovi hanno riempito le fila degli appassionati di questi stupendi animali.
lo faccio rileggendo le parole piene di affetto ed empatia di Platero, gettati quasi come un messaggio in bottiglia, nella speranza che le raccogliessi.
Avrò bisogno di voi per togliere la ruggine che incrosta la mia già claudicante sapienza di aspirante asinaro.
Hope se n'è andata...
Commenti : 15
Hope il 14-Mar-2014 in Generica
Ieri pomeriggio è morta Hope. Così, senza nessun preavviso, se n'è andata silenziosamente. Non avrei mai pensato che potesse diventare così radicalmente parte di me, della mia vita, della mia famiglia. Ora non c'è più. certamente si chiude un grosso capitolo, fatto di passione, fatica e anche qualche mancanza da parte mia. Per il futuro si vedrà. Ora devo metabolizzare questa grande perdita.
Chissà se c'è un paradiso anche per gli asini...
A proposito del Demanio San Matteo
Commenti : 7
Hope il 19-Ago-2012 in Generica
Nei giorni scorsi ho passato un breve periodo di vacanza nel trapanese. Quale occasione migliore per tornare all'allevamento di asini panteschi, per verificare di persona le condizioni degli animali? Quello che ho trovato si evince piuttosto bene dalla foto. Gli splendidi esemplari ospitati e custoditi alle pendici del monte Erice, sembrano piuttosto in forma, ospitati in recinti spaziosi e ben costruiti, dotati di erogatori dell'acqua. Anche il rischio di denutrizione mi sembra piuttosto remoto, a giudicare dal fienile alle loro spalle.
Purtroppo non ho avuto l'occasione di parlare con nessuno degli addetti ai lavori, in quanto, probabilmente, l'orario in cui ho fatto visita al centro Forestale, non era dei migliori. Il rischio che hanno corso asini e cavalli Sanfratellani, è stato piuttosto quello di finire arrosto. Gli incendi che hanno devastato la Sicilia, hanno lambito, infatti, anche la pineta che ospita i due allevamenti. Maledetti piromani!
Cloe ha vinto un terno al lotto
Commenti : 7
Hope il 07-Nov-2011 in Generica
Un mese fa, circa, abbiamo venduto Cloe. Tre asine cominciavano a gravare un po' troppo sul bilancio familiare e l'indole un po' appiccicosa della nostra puledrona sembrava stesse interferendo un po' nel rapporto tra mamma Hope e l'ultima nata. Non ho detto nulla qui su Raglio, dato che già una volta i commenti erano stati impietosi e inopportuni a tale proposito. Nel primo pomeriggio di oggi, sfidando l'allerta meteo che consigliava di tenersi ben lontani dal Piemonte e dai suoi corsi d'acqua, ci mettiamo in macchina alla volta della provincia di Novara, decisi a conoscere la nuova dimora della nostra piccola Cloe . Impostiamo il navigatore e nel giro di un'ora e mezza ci ritroviamo al cancello di una grande tenuta. Ci addentriamo curiosi e tra le fronde degli alberi, contesi dal grigio del cielo e dal rossore autunnale, ecco delinearsi la sagoma di un castello, con tanto di torri e ponte davanti all'ingresso. Poco discosta, in mezzo ad un grande prato, in compagnia di un bel cavallo olandese, ecco la nostra piccola Cloe. E' zuppa d'acqua, ma non sembra curarsene, tutta intenta com'è a godersi l'ultima erba fresca della stagione. La chiamiamo e dopo un'attimo di titubanza, eccola venire da noi. Sembra riconoscerci e darci il benvenuto. I suoi nuovi proprietari, gli abitanti del castello, sono due persone davvero cordiali e ospitali. Ci mostrano il riparo destinato a Cloe e al suo blasonato coinquilino e poi, con gran semplicità ci offrono un caffè. Gli asini riempiono i nostri discorsi e ci fanno brillare gli occhi. E' strano trovarsi seduti al tavolo con delle persone fino a poco prima sconosciute, ma che condividono una passione tanto semplice quanto coinvolgente. E' bello potersi ancora stupire di trovare persone semplici e cordiali, disposte ad aprire le porte di casa per assaporare la genuinità di un incontro.
Oggi gli asini ci hanno portato qui.
Il Rosso dei muli
Commenti : 11
Hope il 14-Feb-2011 in Generica
Oggi pomeriggio ho fatto un salto nel passato. Un passato dove anche i bambini parlano il dialetto del posto e dove tutti gli animali, hanno un nome una storia che si intrecciano quotidianamente con i nome e le storie dei loro padroni. Oggi ho bussato alla porta, anzi al portone di un mondo lontano, che però è proprio qui dietro l'angolo. Il mondo di Angelo, il Rosso dei muli, come lo chiama la gente delle sue contrade.
Il Rosso è un vecchio mulattiere che ha calcato in lungo e in largo sentieri e vette delle montagne che mi circondano. Uno che saprebbe dare il nome anche ai sassi che incontra sul cammino. Cammino che ha sempre condiviso con le sue bestie per rifornire i rifugi montani della zona o per portare a valle la legna tagliata dai boscaioli. Ora la sua passione fatta di scarponi e ferri ramponati, che ancora gli brilla negli occhi quando parla di un passato lontano, continua a rivivere nel figlio Piero e nel nipote Paolo, che con lo stesso fuoco nel cuore accudiscono le loro bestie chiamandole per nome. Oggi ho avuto la fortuna di incontrare il Rosso, insieme a Zara, Popi e Nino, i suo compagni fidati di lavoro, in giro per i monti. Quanto mi sembravano vuoti e senza storia gli occhi della gente mentre tornavo a casa. Mi chiedevo: "ma loro lo sapranno che esiste il Rosso che sui basti dei suoi forti muli ha caricato una storia così bella?"
Pasqualina e la fiducia.
Commenti : 9
Hope il 24-Gen-2011 in Generica
Pasqualina è con noi da poche settimane, Io e Davide, il mio amico contadino, siamo andati a prenderla in una stalla ad un'ora di cammino dalla nostra. Pasqualina è un'asina schiva e diffidente. Non era mai stata "legata" prima di quel giorno e condurla fino alla sua nuova casa, non è stato per nulla facile.
Di capezza e lunghina proprio non sembrava volerne sapere e ogni volta che bisognava portarla fuori dalla stalla per rifare la lettiera, bisognava faticare e non poco, e immancabilmente andava a finire che bisogna usare le maniere forti. Sabato scorso però mi ci sono messo di impegno, e anche incoraggiato dai suggerimenti che quotidianamente leggo su Raglio, mi sono messo con pazienza e ho cercato di avvicinarla per conquistare la sua fiducia. Ci sono voluti quasi 3/4 d'ora per metterle la capezza, ma alla fine ce l'ho fatta. Prima mi sono avvicinato con un panino secco, senza guardarla negli occhi, Poi quando si è avvicinata e ha mangiato il pane dalla mia mano ho provato ad avvicinare la mano al collo e ad accarezzarla dolcemente. Ogni tanto Pasqualina si ritraeva, ma poi ci riprovavo e a poco a poco ha lasciato fare. Poi ho osato un po' di più e le ho grattato dietro le orecchie. Ecco il suo punto debole! Non ha saputo resistermi. Il tintinnio degli anelli e delle fibbie della capezza, però, la faceva scartare rifugiandosi nell'angolo più lontano della stalla. Ho provato a riavvicinare la capezza stando bene attento a non farla "suonare" e... voilà! Il resto è stato un gioco da ragazzi. La signorina si fa condurre bene alla lunghina, anche se non ha molto piacere ad essere legata al carretto del trattore, mentre noi puliamo la stalla. Ma devo proprio dire che questo piccolo successo mi ha largamente incoraggiato. Ora dovrò abituare Cloe a seguire alla lunghina. Un'altra bella sfida.
Un pomeriggio tutto per Cloe
Commenti : 6
Hope il 25-Apr-2010 in Generica
Dopo una settimana di fuoco, finalmente oggi pomeriggio siamo riusciti a salire alla stalla per goderci un po' Cloe, la nuova arrivata.
Mamma Hope è molto protettiva, ma non ostante questo, si vede che si fida di noi e ce la lascia spupazzare un po'.
La piccolina, che sembra volersi già atteggiare da grande masticando goffamente fili di paglia raccolti dalla lettiera, ha già portato un po' di scompiglio negli equilibri della piccola fattoria.
Il recinto che normalmente di questi tempi ospitava i due asini, Giò e Hope, ora accoglie il piccolo asinello sardo accanto alla poderosa Katia, la TPR del contadino. L'accoppiata è quanto mai bizzarra. Il nanerottolo ha tentato subito di imporre la sua legge. Katia sembra sopportarlo con sufficienza. E dopo qualche minuto ecco risvegliarsi gli istinti del piccolo stallone che, a dispetto dell'evidente differenza di mole, non si perde certo in convenevoli e tenta di montare la cavalla. scene a dir poco comiche... guardare per credere! (le immagini nella mia galleria)
E' nata Cloe!!!
Commenti : 18
Hope il 19-Apr-2010 in Generica
Ciao a tutti,
a pensarci bene è da secoli che non scrivo più sul blog di Raglio.com, e quale occasione migliore se non quella di annunciarvi una bellissima notizia.
Ieri sera, verso le 21, mamma Hope ha messo al mondo la piccola Cloe. E' una meraviglia!
L'attesa si stava ormai facendo insopportabile. Da quattro settimane,facevamo la spola da casa alla stalla per controllare la situazione, ed ogni volta Hope sembrava sempre più grossa e le mammelle sempre più gonfie, ma del puledrino nemmeno l'ombra. Non nascondo che ci stavamo anche un po' preoccupando. Ma ecco che, ieri sera, proprio mentre ci accingevamo ad andare a dormire, suona il telefono. Era il figlio del contadino che ci ospita, che ci avvisava del lieto evento. Prendere sonno, poi, è stata un'impresa...
Ho messo qualche foto nella galleria immagini.
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker