Raglio
La community dedicata agli Asini

BLOG
di : bruno
<< Dicembre 2019 >>
L M M G V S D
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Categorie

Generica
Viaggi
Trekking

Archivio

Agosto 2018
Gennaio 2015
Giugno 2014
Aprile 2013
Giugno 2012
Aprile 2012
Gennaio 2012

BLOG
POST DEL BLOG

Vorrei vedere il blog di :

Vergogna
Commenti : 6
bruno il 28-Ago-2018 in Generica
Già è proprio per vergogna che non ho più scritto nulla e non mi sono più fatto sentire da nessuno. Di tanto in tanto ho aperto il sito ma non sono mai riuscito a scrivere nulla. Ieri, dopo aver riaperto il sito ed aver letto il post di Pantagruele, sono stato scosso dal torpore nel quale ero caduto.
Vergogna, si, vergogna per aver dovuto prendere decisioni difficili, per le quali ho dovuto cedere i miei asini. Non voglio paragonarmi a Pantagruele, perchè la sua drammatica perdita non è paragonabile a nulla. Mi sento comunque molto vicino a lui. Dover cedere alle disavventure, alle problematiche di salute ed alle difficoltà economiche a volte ha un peso enorme. Devi prendere delle decisioni. Decisioni che mai avresti pensato. Tutto quello che avevi sognato, tutto quello che avevi realizzato...sei costretto a buttarlo via a causa di una serie di vicessitudini.
Ho ceduto Camilla ed Athos da circa un anno. Sono andati a stare in un buon posto, con un ragazzo che, insieme al padre, si prende cura di loro con amore e passione. Athos ora, per diletto, traina un calesse ed è bravissimo. Camilla continua a fare una tranquilla vita da pensionata. Sono andato a trovarli solo una volta, pur essendo vicini. Non ce la faccio. Mi manca tutto. Mi mancano loro. Mi manca il terreno, gli alberi, la campagna. Ma la vita continua, seppur cambiata e bisogna affrontarla così come viene, con alti e bassi. Bisogna rimboccarsi le maniche e gioire delle piccole cose cercando di accettare ciò che la vita stessa ci riserba. Me lo ripeto spesso. Però è dura. Mi manca tutto e, mi mancate anche voi. Le nostre riunioni ed i nostri scambi di opinioni sul sito.
Ora, dopo il blog di pantagruele, che mi ha scosso molto, ho deciso che non sia giusto rinunciare anche voi solo per “vergogna” delle decisioni che sono stato costretto a prendere.
Spero che nessuno si sia sentito offeso dalla mia assenza e spero che qualche mio sporadico intervento sia ancora bene accetto. Ciao, grande popolo di raglio.
La befana di Castel Giuliano
Commenti : 11
bruno il 06-Gen-2015 in Generica
La befana vien di notte, direte voi . . . invece no!

La Befana, lemme lemme,
vien di giorno con le strenne
su un calesse decorato
da due asini trainato.

Questi asini assennati
son da anni abituati,
sempre pronti a quest'evento
pur con sole, pioggia o vento.

A Gennaio, il 6 del mese,
con andare assai cortese
giungono a Castel Giuliano
camminando piano piano.

Quando arrivan nella piazza
dei bambini il cuore impazza,
al pensier che se son buoni
un bel giro li consoli
del gran freddo che è arrivato
in quel mondo un po' incantato.

Gli asinelli buoni buoni,
come renne portan doni,
anche senza spiccar volo
con il lor padrone . . . Elcholo.
Finalmente...è nato!!!
Commenti : 23
bruno il 13-Giu-2014 in Generica
La natura fa sempre il suo corso, di questo ne sono convinto.
Ieri sera ultimo controllo di Camilla a mezzanotte e mezzo, le mammelle sono gonfissime ma dai capezzoli non esce nulla. Vado a letto, un po' pensieroso. Alle h. 6,30 mi sveglio con il pensiero di andare a controllare, esco di casa e mi diriggo verso il recinto. Comincio ad intravedere la stalletta, Camilla è fuori ma tiene la coda alzata e dalla vagina le pende qualcosa. Ci siamo, penso, ed affretto il passo. Vedo che in terra davanti al suo muso c'è una massa scura, inerme, è il suo piccolo, lei ha già partorito. Il piccolo però non si muove, è ancora bagnato. Vengo preso da una sensazione di disagio, incito Camilla a prendersi cura di lui, lei sembra capirmi, comincia a leccarlo e lui...comincia a muoversi. Siii è vivo, dopo poco tenta di alzarsi ed appena in piedi, come natura insegna, si dirige verso le mammelle della madre, come avesse sempre saputo dove fossero, ed inizia a succhiare.
Brava Camilla sei stata bravissima.
Lui si sdraia di nuovo in terra e lei continua a leccarlo, anche nella zona genitale, cerco di scorgere il sesso ma senza riuscire. Si alza acora e dopo qualche passo si protrae in avanti, piega le zampe posteriori e fa pipì...è un maschio.
Athos, deciso, si chiamerà così, un piccolo moschettiere che combatterà contro le avversità della vita, o un piccolo Dio greco con doti immortali.
Stage al Ranch Margherita
Commenti : 6
bruno il 29-Apr-2013 in Generica
Dato che ho partecipato allo stage di aprile di addestramento asini, tenuto dal Ranch Margherita, mi è stato chiesto da un amico del sito di raccontargli come era andata. Ho iniziato a rispondergli con un messaggio privato ma poi mi è sembrato doveroso esporre la mia esperienza a tutti gli amici del sito, anche ad omaggio dei grandi Roberto e Cristiana.
Ecco cosa avevo intenzione di scrivergli:
Ciao, vuoi sapere come è andata?...Beh, hai presente un raduno di Raglio? Ecco moltiplicalo per tre giorni ed ecco il risultato!
A parte gli scherzi, è andata benissimo, i ragazzi che partecipavano allo stage erano simpaticissimi ed interessatissimi a migliorare il rapporto con i loro asini. Per me è stato piacevolissimo stare insieme a loro e condividere le esperienze. Addirittura a volte ho fatto la figura dell'esperto (forse vedendomi con i capelli bianchi associavano la mia esperienza a quella di Roberto, chiedendo a me se svolgevano bene le cose che diceva di fare Roberto)
Roberto è stato fantastico, è una persona che ama quello che fa ed è contento di eventuali suggerimenti ed idee per migliorare il lavoro con gli asini accettando senza riserve qualunque iniziativa.
Cristiana con la sua pazienza sa insegnarti l'arte di manufatti attinenti alla realizzazione di stupendi finimenti personalizzati.
Il pomeriggio del venerdì si è svolto con le presentazioni, le esposizioni delle varie problematiche di gestione dei propri asini e delle motivazioni per le quali si era deciso di partecipare allo stage. La serata è proseguita con la visione di filmati attinenti l'addestramento degli asini seguiti da relativi commenti e domande.
Il sabato mattina, pratica sul campo con i meravigliosi asinelli del ranch....imprevisto... Margherita in calore, lei non può partecipare (questo a dimostrare quanto sostenuto da Roberto e Cristiana: i più affidabili sono i castroni).
Sabato pomeriggio pratica di costruzione finimenti, basti e....chi più ne ha , più ne metta.
Domenica mattina altra pratica sul campo seguita da varie dimostrazioni.
Nel pomeriggio i “tristi “ saluti per il rientro alla base.
L'ospitalità di Roberto e Cristiana è fantastica, hanno la capacità di metterti a proprio agio e farti sentire importante di esserci. Questo senza parlare dei pranzi e delle cene corredati di ottimo buon vino, caffè ed ammazza caffè a base di ottima grappa.
Il tempo è stato clemente con noi nella giornata di sabato per poi regalarci una fantastica domenica.
Ringrazio ufficialmente i fantastici “Icari” per quello che mi hanno insegnato!!!
Piacevole giornata...inaugurazione "Ettaro di Montesecco"
Commenti : 17
bruno il 24-Giu-2012 in Generica
Ho partecipato con piacere all'inaugurazione del progetto "Ettaro di Montesecco" che si è svolta sabato 23 giugno a Pistoia. Un progetto, sostenuto anche dal nostro amico francescosid, che prevede uno spazio verde per un aula didattica per avvicinare bambini e ragazzi al mondo della natura e degli animali e spazi naturali utilizzabili per giochi ed attività di vario genere.
Per quel che concerne gli animali il progetto prevede l'acquisto di due asini che dovranno essere accuditi dai volontari dell'associazione...da qui "la giornata tipo di un asino" che consisteva in una lezione sulla gestione e cura dei nostri amici asini. La lezione è stata redatta da altri due nostri amici, Spirit e Lydie, con l'ausilio di due dei loro asini, Birillo e Molly.
Spirit, da bravo oratore (lo si evince anche dai suoi post) ha spiegato le varie necessità degli asini, dall'alimentazione all'igiene comprendendo spazzolatura e cura dei piedi, poi si è soffermato molto sulla socializzazione con l'uomo e l'importanza di stabilire delle gerarchie (e di questo Birillo ne è un esempio lampante), successivamente ha parlato dei lavori che si possono fare con gli asini, con basto sella e traini vari. Tutta la lezione veniva contemporaneamente dimostrata da Lydie che, da infaticabile assistente, si dava da fare a spazzolare, pulire zoccoli, montare e caricare basti, selle e pettorali da traino.
Insomma proprio una lezioncina con i fiocchi!!!
Oserei dire a... "quei due" (come li chiama il nostro amico cacaone)...attenzione, ci sono "altri due" che, da allievi, tentano di superare i maestri!
Durante il pomeriggio non è mancata la classica passeggiata in sella agli asini, con grande gioia di tutti i bambini partecipanti.
La giornata si è conclusa, come al solito, con un gran buffè...al quale, con rammarico, ho dovuto rinunciare per riprendere il viaggio verso casa, portando con me, comunque, il ricordo di una piacevole giornata.


Galleria foto inerente

Visita a Birillo
Commenti : 12
bruno il 03-Apr-2012 in Generica
Ho passato un piacevolissimo fine settimana, sono stato a trovare Birillo. Appena arrivato era in fondo ad un recinto dove pascolava con i suoi compagni, gli ho fischiato e lui ha alzato le sue orecchie maestose (come del resto anche gli altri)..."ha riconosciuto il mio fischio" ho pensato, invece dopo un attimo ha ricominciato tranquillamente a brucare e non mi ha filato per niente. In quel momento ho pensato "bene è giusto così, si trova nel suo ambiente naturale con i suoi simili e sta benissimo".
Ho trovato un Birillo cresciuto, tranquillo, saggio ed affidabile (mi ripeto nel dire nel dire che il merito è di Spirit e lydie).
Più tardi siamo usciti in passeggiata con Birillo, Luce e Lea. A me è stata affidata, chiaramente, la conduzione di Birillo...non avevo mai fatto con lui una passeggiata così serena. Ma ad un certo punto, durante una sosta, mentre tenevo Birillo con la lunghina al mio fianco, lui mi ha annusato il braccio, si è scostato leggermente è mi ha misurato una leggera pedata laterale. Pronto è stato il rimprovero di Lydie. Era presente anche la nostra amica Roma che ridendo ha detto "oh bruno, ti ha riconosciuto". Chissa forse voleva testare se poteva riprendere il nostro rapporto paritario.
Stupenda anche la passeggiata della domenica, corredata da pic nic ai piedi di una cascata, durante la quale ho imparato molto riguardo la conduzione degli asini.
Ringrazio Simone e Lydie dell'ospitalità e della disponibilità, ringrazio Roma per la sua presenza e la sua simpatia, ringrazio francescosid per avermi permesso una sosta pranzo il sabato ed avermi presentato le sue tranquille asinelle.
D'obbligo il ringraziamento ad elcholo che ha creato questo sito che permette di conoscere grandi e belle persone!

Novità: da ieri, lunedì 3 aprile, è con me una vecchia asina che merita la pensione dopo aver trasportato per circa 20 anni basto e bambini in numerose passeggiate.
Lettera al mio asino
Commenti : 10
bruno il 07-Gen-2012 in Generica
Caro asino volevo raccontarti la mia esperienza con te.
Sei un animale che nel profondo mi sei sempre piaciuto e l'anno scorso ho pensato fosse giunto il momento di prenderti con me. Ho cercato notizie per imparare quali fossero le tue necessità e le tue esigenze. Ho trovato ben poco su riviste o libri ma grazie ad internet ho letto molto su di te: ho letto che sei un animale tranquillo con nessun problema di socializzazione con persone, bambini ed altri animali, ottimo per qualsiasi utilizzo, di poche pretese nella gestione e nell'alimentazione, un animale che mette tranquillità solo a guardarlo. Insomma, come dai miei ricordi scolastici, l'asin bigio che rosicchia un cardo, della poesia di Carducci, incurante di tutto ciò che accade intorno.
Poi ti ho incontrato, casualmente, facendo altri tipi di acquisti, vedendo l'annuncio della tua vendita sulla vetrina di un negozio. Ho preso accordi con il tuo vecchio proprietario, sono venuto a vederti...eri bellissimo...un puledro di 8 mesi con manto scuro, orecchie enormi ed uno sguardo vispo ed attento...”Si, sarai il mio asino” ho pensato.
Ecco ora arriviamo a noi, a me, a te, al nostro rapporto, alle tue fughe dal recinto che ti avevo costruito, alle tue carche verso di me, alle tue impennate, alle tue pedate che sono sempre riuscito ad evitare, al mio non sapermi rapportare con te.
Da nessuna parte avevo letto che potessero esserci questi problemi che, giustamente, da puledro anche un asino deve dar sfogo alla propria esuberanza ed ha necessariamente bisogno di interagire con i suoi simili...ora lo so.
Torniamo a noi, piano piano le cose sono andate un po' meglio, grazie all'aiuto di un ragazzo del paese che ci ha insegnato, sia a me che a te, alcune regole fondamentali ed ai consigli, telematici, di un forum di un sito internet che avevo conosciuto da poco (raglio.com). Il nostro rapporto è migliorato, abbiamo cominciato ad amarci,...tu forse un po' troppo, fino al punto di volermi montare a tutti i costi e, da qui, il mio primo tradimento nei tuoi confronti...la castrazione. “Ora le cose andranno meglio” pensavo. Ma ti osservavo, eri solo, capivo che le tue esuberanze erano frutto di mancanza di sfogo ed interazione con altri asini. Ti vedevo andare avanti ed indietro davanti al cancello del tuo recinto, fino a formare un solco, incurante dello spazio che avevi a tua disposizione.
Il tempo passava e tu non stavi vivendo la tua giovinezza a causa della mia insicurezza e dei miei dubbi nel prenderti una compagnia, non avendo molto tempo a disposizione per colpa del lavoro e dei mille impegni che la nostra vita da umani ci impone.
No, questa cosa non la trovavo giusta e...per amore, credimi, solo per amore ho deciso di lasciarti andare.
Grazie a raglio.com ho conosciuto delle persone splendide, Spirit e Lydie, che non finirò mai di ringraziare, loro hanno altri asini con i quali tu potrai interagire, giocare e sfogare tutte le tue esuberanze ed hanno deciso di prenderti con loro.
Ed è così che la mattina del 6 gennaio, quando la Befana porta a tutti qualcosa, tu al contrario venivi portato via da me, salendo sul trailer, inaspettatamente bravissimo.
Sei un buon asino, di questo ne sono certo, non credere non ti voglia bene. Ci vedremo presto, in primavera verrò a trovarti...ciao Birillo.
About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker