Raglio
La community dedicata agli Asini

Ottimizzato per
risoluzione
1024 x 768

Ultime news

22-09-2019 19:04:52
Fieracavalli Verona 2019, convegno “Gli asini negli interventi assistiti con gli animali” (0)
21-01-2019 19:02:05
Urgente: oltre 40 asini sotto sequestro cercano custodi(1)
21-04-2017 11:34:54
Bambina che non poteva parlare dice “Ti amo” al suo asino da pet therapy(3)
14-04-2017 06:35:18
Nuoro: salvato Aladino, l'asino da corsa finito in palio nella lotteria(1)
02-02-2017 21:32:49
Petizione contro l’abbattimento di asini in per la loro pelle. (4)

OVER the TOP


asinalat

molly

mrcbnc

agricolasolan

Galleria asino


Biscotto
platero


claudio59

Ultimi articoli

Cat : Io faccio così
Titolo :
Capezzina americana "tipo Parelli"(4)
Cat : Io faccio così
Titolo :
Supporto per affilare coltelli(2)

Ultime foto commentate

11-05-2022 alle 21:07
da : molly

pura tener....
19-12-2019 alle 19:50
da : molly

bellissimo....
11-12-2019 alle 21:13
da : molly

tenerissim....
11-12-2019 alle 21:12
da : molly

qualche me....
11-12-2019 alle 21:10
da : molly

eh sii .......
04-12-2019 alle 19:37
da : lakai

Ciao scusa....
04-12-2019 alle 19:34
da : lakai

Caspita! a....
08-08-2019 alle 09:25
da : molly

grazie da ....
08-08-2019 alle 09:25
da : molly

grazie da ....
06-08-2019 alle 13:55
da : alex41

che bei mu....

Ultimi commenti al blog

03-03-2021 alle 17:40
da : francescosid

Cari amici....
03-02-2020 alle 14:08
da : foxtrot

Ciao Bruno....
07-03-2019 alle 21:33
da : Hope

Hai ragion....
01-03-2019 alle 18:43
da : platero

Ciao Hope.....
27-02-2019 alle 14:47
da : saverin81

Tienici ag....
04-02-2019 alle 11:14
da : heidiepeter

Ti auguro ....

Le ultime dal FORUM

24-03-2022 alle 16:47
da : ferrararese
Riproduzio....(1)
21-12-2021 alle 12:43
da : topo1958
Educatore ....(0)
21-12-2021 alle 12:39
da : topo1958
gestione z....(3)
16-12-2021 alle 15:37
da : gigimaini
In sella a....(3)
09-12-2021 alle 10:44
da : saraecamillo
educazione....(2)
30-11-2021 alle 10:08
da : gigimaini
Allevament....(1)
30-11-2021 alle 10:04
da : gigimaini
fiera di v....(0)
29-11-2021 alle 19:07
da : saraecamillo
Che bello ....(0)

Le ultime dal MERCATINO

08-05-2022 10:51:29
da : claudio59
asinello e cavalla da sistemare
04-08-2021 18:32:59
da : barbacane
cedo puledro
20-07-2020 06:37:34
da : Prealpino
Regalo Stallone Martina Franca
29-02-2020 18:58:28
da : barbacane
cerco casa e pascolo

Raglio Bar

12-01-2022 alle 18:21
da : Mora
Buon anno.....
25-12-2021 alle 23:06
da : foxtrot
Saluti e a....



Tutti gli Articoli in ordine di inserimento categoria Viaggi



Data inserimento : 14-09-2006 20:39:56

Autore :

Serena Tirabassi
Titolo : RAGLIO.COM IN VISITA AL CENTRO “ASINOMANIA” Introdacqua (AQ)

Articolo :

Se la passione per gli asini ti ha catturato lo spirito, allora fai cose un po’ stravaganti ed eccessive agli occhi degli altri, di chi non si è mai soffermato ad interpretare più da vicino lo sguardo apparentemente vacuo di questo unico animale. Se gli asini non vengono a te, allora sei tu che vai dagli asini. Per conoscerli, osservarli, studiarli, accarezzarli, per condividere opinioni con chi ha già dedicato le sue energie per la loro salvaguardia. Così, dopo il viaggio itinerante nelle terre delle cento masserie, in Puglia, di nuovo in macchina, chilometri e chilometri di autostrade, strade provinciali e stradine, per rinnovare il patto di amicizia con gli asini. Una tappa in più da aggiungere ai viaggi alla scoperta e alla ri-scoperta di questo animale a rischio di estinzione. La destinazione questa volta è l’Abruzzo, presso il centro “Asinomania”, di Eugenio Minolis, tre ettari immersi nelle valli del Parco Nazionale d’Abruzzo, tra Sulmona e Roccaraso. Numerose stalle, recinti, un museo, un casolare per accogliere i visitatori e poi, proprio al centro della proprietà, l’imponente cartello ASINOMANIA, ben visibile dalla strada. Un altro centro, altre persone, altri progetti, ma si respira sempre la stessa aria gioconda, si percepisce la stessa voglia di sfatare il mito dell’asino “soma e bastone”, per far emergere le mille sfumature di un animale con un carattere da rispettare, da capire e da tutelare dalla futile vanità degli esseri umani. Il centro, gestito da un’associazione nata per cercare di arginare il problema dell’estinzione della specie asinina, ospita una cinquantina di esemplari, dai nomi curiosi e perfettamente caratterizzanti: Nutella, Titano (lo stallone), Principessa,…...; un’associazione che cerca di instaurare un contatto tra “la domanda e l’offerta”, tra chi vuole allevare un asino, nutrirlo, gestirlo, vederlo crescere e chi intende usufruire dei benefici effetti derivanti dal contatto con questi animali, che arricchiscono lo spirito, e possono aiutare a gestire e superare difficoltà personali: è infatti possibile adottare un asino, o recarsi nel centro per partecipare a session di “onoterapia” (un percorso tattile e psicologico effettuato sotto la guida dello psicoterapeuta Eugenio Minolis), o al “trekking someggiato”, o più semplicemente visitare il centro e conoscere i suoi ospiti. Al nostro arrivo ci accoglie Sandra, una delle collaboratrici dell’associazione, che ci illustra le modalità di funzionamento del centro e ci guida alla conoscenza dei nostri amici. Li troviamo che si aggirano tra le stalle, in cerca di qualcosa da mangiare, o semplicemente di amichevoli attenzioni, pretendono tutti lo stesso trattamento, soffrono di gelosia, di solitudine, di sbalzi di umore; molto più simili all’uomo di quanto normalmente si pensi. E’ sufficiente avvicinarci ai recinti per avere i loro musi puntati verso le nostre mani. Ci sono asini di tutti i tipi, di razze non proprio purissime ma non per questo meno belli, dai più piccoli ai più grandi, chiari, scuri, chiazzati, tutti sempre curiosissimi. Si lasciano accarezzare senza timore, abituati ad un contatto umano che non è mai invadente o irrispettoso. Poco più in là ci avviciniamo alle stalle che accolgono le asine gravide e quelle in calore, che riportano gli evidenti segni del “desiderio” di Titano, lo stallone che permette la riproduzione. Ci sono anche le neo-mamme con accanto i loro piccoli, che ancora allattano, anche se sono di nuovo pronte all’accoppiamento. Vengono tenute separate dagli altri asini, perché si trovano in una fase delicata, sono gelose dei loro piccoli o nervose perché in calore. E basta restare ad osservarle per una decina di minuti per notare con stupore gli strani atteggiamenti che assumono, seguendo un curioso gioco di ruoli: alcune vengono isolate dalle altre, alleate tra loro…come in una vera e propria comunità. E poi c’è Titano, lo stallone, alto e dal pelo scuro e lungo, che passeggia solitario nel suo recinto, in attesa di svolgere il suo “lavoro”; dopo averlo strigliato ben bene, ripulito dei residui di fieno e terra, il suo pelo appare ancora più lucido e scuro. Tra le stalle e i recinti si erge il museo dedicato agli asini: vi si trova di tutto, dalle fotografie più curiose, che ritraggono i nostri amici nelle pose più svariate, distribuite in un tempo senza confini, dai primi anni del secolo fino ai giorni nostri, dove l’unica differenza visibile è la sfumatura di colori, dal bianco e nero delle prime rudimentali fotografie ai colori accesi di quelle più recenti; vi si trovano i prodotti realizzati con latte di asina (saponette, bagno schiuma e shampoo, dai benefici effetti purificanti e leviganti), t-shirt dai simpatici disegni, produzioni in porcellana, tutte ovviamente con lo stesso soggetto, ma presentato nelle modalità più svariate e sbarazzine, da mettere bene in mostra nelle nostre case. Un centro accogliente, gestito con entusiasmo e voglia di crescere e migliorare continuamente, di emergere o semplicemente ricavare uno spazio, seppur ridotto, nella frenetica vita quotidiana di migliaia di persone, che ogni giorno riempiono le strade di ogni città, ignari, molti, delle semplici origini di ognuno di noi, delle poche ed elementari regole che governavano la vita di chi ci ha preceduto e che, ovviamente, ha usato e spesso sfruttato l’utilità degli asini, probabilmente ignorando che nel giro di due o tre generazioni sarebbero finiti nel dimenticatoio, sovrastati dal progresso che schiaccia ogni legame con il passato. Eppure loro sono lì, oggi come cinquant’anni fa, accuditi da chi ancora crede nell’importante ruolo che possono tuttora svolgere nella vita di ognuno. Per vedere tutte le foto clicca qui

Fonte :

www.raglio.com

Questo articolo è stato visto : 11232 volte

Commenti all'articolo :

Nessun commento per l'articolo selezionato

Se vuoi scrivere un commento all'articolo devi prima fare l'autenticazione Iscriviti al sito se non l'hai ancora fatto. Clicca qui

Articolo 2 di 3
IndietroAvanti

About Us | Site Map | Privacy Policy | Contact Us | Since 27/01/2006 © 2011 Raglio
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

eXTReMe Tracker